Ultima chiamata, o quasi, per la missione salvezza. La Vanoli sfida domani in un PalaRadi che si attende tutto colorato di blu una Mia-Red October Cantù già salva (e fuori dalla lotta playoff) per tenere accese le speranze, partendo dall’handicap delle due vittorie da recuperare rispetto a Pesaro nelle ultime tre gare.

COME STA CREMONA – Due sconfitte dopo l’impresa di Pesaro, la squadra di Paolo Lepore è costretta a tornare a vincere al PalaRadi dopo quasi due mesi per provare a risalire la china del -4 che la separa in classifica dalla Consultinvest. Smaltiti alcuni acciacchi, tra cui quelli di TaShawn Thomas (caviglia) e Matias Ibarra (botta al naso), i biancoblu si presenteranno al completo.

COME STA CANTU’ – Un canestro di JaJuan Johnson sulla sirena ha sigillato contro Pistoia il ritorno alla vittoria della squadra di Recalcati dopo 3 k.o. e la matematica salvezza. Senza Alex Acker, fermo per una lesione al soleo della gamba destra, tra le file canturine contro i toscani ha fatto il proprio debutto il lungo sloveno Uros Slokar, con 5 punti in 16 minuti.

CURIOSITA’ – Due gli ex della partita, entrambi in maglia Vanoli: Darius Johnson-Odom è stato il sesto uomo dell’Acqua Vitasnella Cantù nella stagione 2014/2015, viaggiando a 14.4 punti di media e portando i canturini al 7° posto. Kuba Wojciechowski ha giocato con la maglia canturina nella stagione 2015/2016. Si affrontano due delle squadre che perdono meno palloni in campionato, Cremona quarta con 13.8, Cantù seconda con 13.6.

Ufficio stampa
Vanoli Basket