Arriva una sconfitta per la Vanoli Cremona nella finale per il terzo e quarto posto della Zurich Connect Supercoppa 2019 di Bari. In una partita nella quale il risultato contava il giusto, Coach Sacchetti prova soluzioni e quintetti diversi e la squadra risponde mostrando in campo due volti. Come già in semifinale gioca infatti un ottimo primo tempo (segnando 55 punti e subendone 37) per poi smarrirsi nella ripresa (29 punti segnati contro i 50 subiti) concedendo così il rientro e il sorpasso all’Happy Casa Brindisi che si aggiudica l’incontro con il punteggio di 84-87.

LA CRONACA – Coach Meo lancia Ruzzier e Stojanovic in quintetto e la Vanoli, come già in semifinale, inizia forte, correndo quando possibile in campo aperto e ritrovandosi avanti 16-7 grazie alla tripla di Akele. Brindisi risponde con un parziale di 11-0 per il 16-18. Il canestro finale, ancora di Akele, fissa il punteggio al 10’ sul 18 pari. Cremona entra bene anche nel secondo parziale, ruotando undici giocatori sul parquet con il solo Travis Diener tenuto a riposo da coach Sacchetti. E quello della Vanoli è un eccellente secondo quarto, sia difensivamente che offensivamente, un quarto da 37 punti segnati contro i 19 concessi. Sono Saunders e Sobin prima e Stojanovic e Mathews poi a spingere Cremona e a permetterle di staccare Brindisi nel punteggio sino al 55-37 dell’intervallo. E’ Brindisi però che rientra meglio dagli spogliatoi e nel terzo quarto, guidata da Zanelli e Martin riesce a recuperare 17 punti a una Vanoli che si ferma in attacco e soffre in difesa, arrivando al 30’ sopra di un solo punto (67-66). E la rimonta dell’Happy Casa si concretizza nell’ultimo periodo. Pareggio a 70 e sorpasso con la tripla di Campogrande. La Vanoli fatica in attacco e subisce le iniziative di Martin che porta i suoi avanti 78-85. I biancoblu tentano un ultimo recupero che si ferma però sul canestro di Ruzzier e sui liberi di Zanelli che chiudono la partita sul 84-87.

MVP – Darius Thompson chiude la sua partita con 17 punti, 5 rimbalzi, 3 recuperi e 5 assist per 30 di valutazione.

I PROTAGONISTI – Per Cremona ci sono 15 punti per Jordan Mathews, 12 a testa per Tiby e Stojanovic e 10 per Ruzzier. Brindisi ha 15 punti da Gaspardo, 12 da Zanelli e 10 da Iannuzzi.

IL DATO – Brindisi sfrutta bene il gioco in avvicinamento tirando con un ottimo 57.5% da due contro il 46.2% di Cremona. Da tre la Vanoli tira di più e meglio (38.7% contro 35%, 12 triple a 7). Brindisi va ben 28 volte in lunetta convertendone 20 contro le 15 volte di Cremona che ne segna 12. A rimbalzo ha la meglio l’Happy Casa catturando 34 rimbalzi contro i 25 di Cremona.

IL MOMENTO CHIAVE – La tripla di Campogrande nel quarto parziale regala all’Happy Casa il vantaggio (70-73) e conferma definitivamente l’inerzia in mano a Brindisi. Cremona infatti, dopo un buon primo tempo, subisce troppo in difesa l’energia degli avversari e perde fluidità in attacco, abbassando le sue percentuali e non riuscendo più a tornare avanti nel punteggio.