Anche al Taliercio la Vanoli Cremona gioca bene e lotta sino all’ultimo possesso ma è costretta, come con Milano, a lasciare i due punti agli avversari. Finisce così 88-84 per la Reyer una partita che Cremona gioca con grande attenzione per quaranta minuti ma che non riesce a chiudere sul più sette a tre dal termine. I padroni di casa recuperano infatti lo svantaggio grazie alla classe di Bramos e Watt e piazzano poi il sorpasso definitivo con la tripla di Stone.

LA CRONACA – Primo quarto equilibrato con Venezia che cavalca Watt sotto canestro mentre Cremona trova i sei di Hommes per il 12-13 al sesto. Gli attacchi non sono però caldissimi e le palle perse si sommano per entrambe le squadre. Al 10’ è 16-18 Vanoli. I biancoblu partono bene nel secondo quarto e producono un 8-1 di parziale per il 17-25 al 13’. Venezia trova la tripla di Chapell a cui però risponde immediatamente Palmi. L’Umana recupera con la nuova tripla di Bramos e Galbiati è costretto a chiamare time out. Al rientro è subito  Hommes due volte da tre per il 24-34 a 4’ dall’intervallo. Venezia continua ad appoggiarsi a un efficacissimo Watt ma Cremona risponde con la giocata da 4 di Palmi per 30-40. La schiacciata, dopo palla rubata, di Jarvis Williams regala poi il massimo vantaggio alla Vanoli e costringe De Raffaele a fermare il tempo sul 30-42. Il 4-0 Reyer nel finale manda le squadre negli spogliatoi sul punteggio di 36-44. Si riparte con 6 di Jarvis Williams e 8 di Tonut nei primi tre minuti e mezzo del terzo periodo. La tripla di Clark trova la pronta risposta di Cremona con i canestri di Cournooh e Jarvis Williams per il 47-54 ma Bramos e Watt riportano sotto Venezia (54-56) al 27’. La tripla di Cerella riporta in parità le due squadre ma il 5-0 di Cremona fissa il punteggio alla penultima sirena sul 62-67. Cremona riparte con la tripla di Cournooh e due di Poeta per il 62-72. Poi però si ferma in attacco per tre minuti e Venezia recupera con Bramos (72-74). Watt pareggia ma Mian e Tj Williams riportano Cremona avanti di 5. Ancora Tj per altri due che costringono Venezia al time out a tre dal termine. Venezia si rifà però sotto (80-81) dopo l’antisportivo dello stesso TJ Williams, suo quinto fallo. Due di Poeta dalla lunetta ma poi la tripla di Stone regala due punti di vantaggio a Venezia (85-83). Dall’altra parte del campo c’è l’uno su due di Jarvis Williams con rimbalzo d’attacco di Cremona a cui segue l’errore di Hommes e il fallo su Clark che manda lo statunitense in lunetta. Uno su due per lui con la Vanoli che poi prova la tripla finale con Poeta. Il pallone danza beffardamente sul ferro e i liberi finali di Tonut fissano il punteggio sul 88-84.

I  PROTAGONISTI – Per Cremona il migliore è Jarvis Williams che chiude la sua partita con 17 punti e 13 rimbalzi di cui 6 offensivi. Daulton Hommes ne segna 16, Poeta 14 con 6 assist e Cournooh 11. Venezia cavalca la partita da MVP di Watt che finisce con 27 punti e 6 rimbalzi. In doppia cifra anche Bramos con 17 (5/6 da tre) e Tonut con 16.

IL DATO – Cremona tiene a rimbalzo (38-39) mettendo grande intensità in campo ottenendo un miglior rapporto finale tra palle perse e recuperate (13/8 contro 14/5 di Venezia). Venezia tira però meglio sia da due (51.7%, 15/29 contro 48.9%, 22/45) che da tre (39.4%, 13/33 contro 33.3%, 6/18) pur sbagliando tanto dalla lunetta (19/31).

IL MOMENTO CHIAVE – Cremona entra negli ultimi tre minuti avanti di sette punti. Il quinto fallo di TJ Williams e i punti di Bramos e Watt permettono a Venezia di rifarsi sotto. La tripla dall’angolo di Stone regala l’ultimo e definitivo vantaggio ai padroni di casa.

Foto Morgano/DueEsseGroup