Alla Vanoli non riesce l’impresa pre Pasquale di tornare da Bologna con la quarta vittoria in fila, ma quella stagionale ora è realtà: il concomitante k.o. di Brindisi con Capo d’Orlando permette ai biancoblu di mantenere 12 lunghezze di vantaggio sul 9° posto a 5 giornate dal termine e di tagliare così lo storico traguardo della prima partecipazione ai playoff in Serie A. Finisce infatti 73-66 per la Virtus, brava a indirizzare fin da subito l’incontro e a rintuzzare ogni tentativo di rientro di Turner e compagni. Nel secondo quarto il primo strappo delle V nere prima con Hasbrouck per il più 13 e poi con Gaddy alla fine del quarto a ristabilire le distanze (38-29). Dopo un terzo quarto di sostanziale equilibrio, l’avvio dell’ultimo periodo ha visto Bologna allungare sul più 12 con la tripla di Collins e mantenere il vantaggio fino alla fine grazie ai canestri pesanti dei propri esterni Hasbrouck e Odom.

I PROTAGONISTI – Per la Vanoli non bastano il solito, generoso, Deron Washington con 15 punti, 5 rimbalzi, 5 recuperi e 3 assist (21 di valutazione), gli 11 punti con 3/6 da 3 di Fabio Mian e i 10 di Elston Turner, tutti nel terzo quarto. Per Bologna un Dexter Pittman da 15 punti, 11 rimbalzi e 7 falli subiti per un 24 di valutazione complessiva.

IL DATO – I 24 punti concessi dalla Vanoli nel pitturato a Pittman e soci. Bologna chiude il match tirando con il 67% nel tiro da 2 punti (18/27).

IL MOMENTO CHIAVE – Quando la Vanoli si riavvicina a -3 nel 3° quarto, Michele Vitali segna 5 punti pesantissimi, con una schiacciata a difesa schierata e la tripla del +7 sulla penultima sirena. Nel 4° periodo, con i biancoblu a -8 lo sforzo delle due triple di Mian e McGee viene venificato da quelle di Hasbrouck e Odom.

Ufficio stampa
Vanoli Basket