CREMONA: Pagliari 6, Perini 8, Calderone, Brusinelli 9, Capelli, Morello, Tolasi 21, Mattarozzi 2, Lazzari 5, Frisullo 9, Orlandelli, Boccasavia 14         All. Manini

O.S.A. MILANO: De Castro 7, Lumban, Della Monica 4, Riverso 1, Migliorini 7, Bauyon, Ghiandoni 4, Finzi 17, Sebastiani 13, Citterio, Lessio 8, Bega 2    All. Battaini

Parziali: 16 – 14; 34 – 28; 58 – 46.                 Arbitri: Cantarini e Tampelli

CREMONA – Continua il buon momento della Vanoli nel campionato under 17 Elite: questa volta arriva una vittoria interna sul parquet della palestra Spettacolo, conto i milanesi del Social O.S.A.

L’avvio di entrambe le formazioni è piuttosto contratto dal punto di vista offensivo, con i giochi a difesa schierata che producono pochi buoni tiri: è allora la Vanoli la prima a cambiare le carte in tavola, alzando la pressione difensiva a tutto campo e recuperando molti palloni grazie a raddoppi ben eseguiti. Gli ospiti vanno in netta difficoltà, ma sono le distrazioni cremonesi (molti rimbalzi offensivi concessi) a tenere al minimo il distacco: dopo la prima sirena siamo sul 16 – 14. Il secondo periodo è in sostanza una copia del primo: la Vanoli è però più lucida di prima nello sfruttare le situazioni di transizione e campo aperto (ora i rimbalzi sono tutti nelle mani dei biancoblu), mentre gli ospiti continuano a prendere tiri graditi ai cremonesi con percentuali non esaltanti; purtroppo per i cremonesi, anche le loro cifre ai tiri liberi non sono molto meglio, con il risultato di aver accumulato solo 6 punti di vantaggio alla pausa lunga (34 – 28). La ripresa è decisamente di marca Vanoli: oltre all’intensità difensiva, inizia a funzionare bene anche l’attacco a difesa schierata, che produce molti buoni tiri e non lascia occasioni di campo aperto ai milanesi. La Vanoli si porta anche sul +17, ma già a fine terzo periodo inizia a concedere qualche regalo di troppo. Social O.S.A. Ci crede e, nonostante il buon avvio Vanoli, rosicchia punto su punto, fino a quando il calo di concentrazione cremonese non regala un break di 0 – 8 che riporta gli ospiti a -3 nelle battute finali. A questo punto la Vanoli si ricompatta in difesa e a rimbalzo, e riesce a chiudere i giochi con 2 minuti finali di lucidità e pazienza, senza lasciare ulteriori chances agli avversari.