CREMONA: Pagliari, Perini 2, Brusinelli 3, Lazzari, Tolasi 2, Orlandelli, Frisullo 2, Bosini 2, Mattarozzi 11, Morello, Maresca 6, Boccasavia 13    All. Manini

TREVIGLIO: Fumagalli, Goti Zelati, Finardi 12, Pirrone 5, Bosco 2, Galimberti 8, Baita, Capelli 7, Ronchi 2, Bassani 11, Erba 3       All. Brescianini

Parziali: 7 – 12; 20 – 25; 37 – 37.                  Arbitri: Bonazza e Bragalanti

CREMONA – Non inizia bene il 2015 per la Vanoli under 17, che nella quinta giornata di ritorno del campionato d’Elite perde contro Treviglio, diretti contendenti alla terza piazza dietro le corazzate Lissone ed Erba. Già dai primi possessi si capisce che i biancoblu sono ancora in “vacanza”: il basket a basso ritmo di Treviglio non confeziona parziali eclatanti, ma riesce ad imbrigliare l’attacco cremonese, che fatica a trovare buone soluzioni contro la difesa schierata dei bergamaschi. Buon per la Vanoli che nemmeno gli ospiti hanno grandi percentuali dal campo, cosa che permette ai padroni di casa di avere solo 5 lunghezze di ritardo alla prima sirena. Nel secondo periodo la Vanoli registra le rotazioni difensive e riesce finalmente a trovare qualche punto in campo aperto, ma il pallino della gara è ancora nelle mani dei bergamaschi, che pareggiano il conto nel parziale mantenendo invariuato il distacco all’intervallo lungo. Al rientro dagli spogliatoi, i cremonesi sembrano finalmente essersi svegliati: l’intensità in difesa sale, e, più in generale, la Vanoli costringe Treviglio ad accettare molte più giocate di campo aperto rispetto alle proprie abitudini, mettendo in luce le differenze in termini di rapidità tra le due compagini. Entrando nell’ultimo parziale, troviamo la situazione completamente ribaltata rispetto a metà gara, con la Vanoli avanti di 5 lunghezze. Treviglio ovviamente non molla, e possesso dopo possesso riesce a riportare la partita sui propri binari: i padroni di casa (non in grande serata al tiro dalla distanza) faticano ad entrare in area, in parte per la buona guardia dei lunghi ospiti, in parte per la prevedibilità del proprio attacco; negli ultimi istanti di gara, i cremonesi (che stanno spendendo falli per fermare il cronometro) non riescono nemmeno ad approfittare degli errori dalla lunetta degli avversari, concedendo i rimbalzi offensivi che regalano a Treviglio 2 punti e referto rosa.