Non si ferma la striscia positiva della Vanoli Cremona. I biancoblu escono infatti vincenti anche dalla Vitrifrigo Arena di Pesaro regolando la Carpegna Prosciutto con il punteggio di 63-74. Una partita sempre in controllo per i biancoblu che, dopo aver raggiunto un massimo vantaggio di 19 punti nel terzo quarto, hanno rischiato qualcosa solo a metà dell’ultimo parziale quando la Vuelle si è riavvicinata a meno 8 senza però riuscire a concretizzare il lavoro fatto. La tripla di Mathews a un minuto dal termine ha poi chiuso i giochi.

LA CRONACA – La Vanoli è aggressiva fin da subito, così come chiesto dal suo allenatore prima della partita, anche se i primi due minuti e mezzo le mani sono fredde e non segna nessuno. Poi si procede in equilibrio sino al 9-8 del sesto minuto, ultimo vantaggio interno dell’intera partita. Un layup di Saunders e una tripla di Palmi producono il primo minibreak. Il canestro da oltre l’arco di De Vico regala a Cremona l’11-18. I due liberi di Eboua chiudono il quarto (13-18). Nel secondo parziale è ancora Cremona che con aggressività e grazie ai canestri di un ottimo Happ mantiene il comando delle operazioni sino alla doppia cifra di vantaggio raggiunta al 16′ (18-28). Le percentuali continuano a non essere alte ma poi le due triple di Mathews sparigliano le carte mandando la Vanoli negli spogliatoi con 13 punti di vantaggio (27-40). Alla ripresa del gioco è ancora la Vanoli che, grazie alla tripla di Ruzzier, si porta avanti di 16 (29-45). Poi è ancora Happ che, con sei punti in fila, fa toccare ai suoi il massimo vantaggio della partita (33-51) al 25′. Pesaro prova a rientrare ma un’altra tripla di Ruzzier mantiene il vantaggio per Cremona (37-54). Sono cinque punti in fila di Zanotti che provano a dare la scossa alla Carpegna Prosciutto. Alla tripla di Stojanovic risponde poi quella di Mussini per il 45-59 sulla penultima sirena. L’ultimo parziale vede i padroni di casa provarci con le iniziative di Eboua e Mussini. Il vantaggio biancoblu si assottiglia sino a otto punti (57-65). Cremona fatica a trovare la via del canestro, perde qualche pallone di troppo e sbaglia molto dalla linea della carità. Pesaro non è brava ad approfittarne fino in fondo così i biancoblu a un minuto dal termine, nel momento decisivo, trovano la tripla di Mathews che chiude la partita (59-70). I canestri di Mussini e i tre punti di Ruzzier fissano il punteggio finale sul 63-74.

MVP – Wes Saunders gioca la solita partita silenziosa ma lo fa da MVP dell’incontro segnando 16 punti con 6 rimbalzi, 5 falli subiti, 2 recuperi e 2 assist per 21 di valutazione e un +/- di +12.

I PROTAGONISTI – Per Cremona c’è ancora un Ethan Happ protagonista. Il lungo da Wisconsin University chiude con un’altra doppia doppia da 12 punti e 12 rimbalzi con 4 recuperi, 1 stoppata, 1 assist e 3 falli subiti per 17 di valutazione finale. E l’asse Play-Pivot  funziona grazie anche alla buona prestazione di Michele Ruzzier che segna 11 punti (3/6 da tre) con 6 assist e 4 rimbalzi. Anche Mathews ne segna 11, compresa l’ultima decisiva tripla che chiude l’incontro. La Vanoli poi, se si esclude Sanguinetti, manda a referto tutti i giocatori entrati in campo. Per Pesaro ci sono i 15 punti e 11 rimbalzi di Barford, gli 11 punti di Mussini e Eboua, quest’ultimo con 8 rimbalzi e i 10, più 9 rimbalzi, di Thomas.

IL DATO – Cremona la vince grazie alle migliori percentuali dal campo. I biancoblu tirano infatti con il 47,8 da due (22/46), contro il 42,9% (18/42) di Pesaro e con il 39,1 da tre (9/23) contro il 13,8% (4/29) dei padroni di casa. La Vuelle tira di più e meglio ai liberi (15/19 contro il 3/11 della Vanoli). A rimbalzo finisce 49-48 per Pesaro.

IL MOMENTO CHIAVE – La Vanoli prende presto il controllo della partita e del punteggio trovando un buon vantaggio (+19) grazie al gioco prodotto nei due quarti centrali. Nel quarto parziale riesce a contenere l’ultima reazione pesarese e a chiudere definitivamente l’incontro con la tripla di Mathews a un minuto dal termine.