La Vanoli lascia aperta la sua striscia di vittorie e, dopo Brindisi e Treviso, batte anche la Virtus Roma al PalaRadi con il punteggio di 103-92 per quella che è la centesima vittoria in serie A dei biancoblu sul campo di casa. E lo fa in una partita dove gli attacchi hanno certamente avuto la meglio sulle difese, lo fa scappando nel primo quarto, venendo ripresa e sorpassata nel terzo periodo e producendo il break decisivo all’inizio degli ultimi dieci minuti di gioco.

LA CRONACA – Le due squadre partono bene in attacco, un po’ meno in difesa, con Cremona che si porta avanti 11-6 per poi venire ripresa dalla Virtus sul 15 pari. Il time out di Sacchetti produce un 11-0 di parziale che lancia la Vanoli nel finale di un primo quarto che si chiude con il canestro di Akele per il 32-22. Nel secondo periodo i biancoblu riescono a portarsi subito avanti di 13 (42-29) grazie a sei punti di Mathews e a quattro di Stojanovic. Roma però è brava a recuperare punto su punto grazie a Baldasso e sopratutto Pini (9 punti per lui nel quarto). Cinque punti in fila di Jefferson riportano gli ospiti a meno 4 (50-46). Stojanovic e un gioco da tre punti di Saunders mandano le squadre negli spogliato sul punteggio di 58-51. Alla ripresa del gioco è Roma la più pronta e con un 8-0 marchiato dalle triple di Alibegovic e Jefferson si porta per la prima volta avanti nella partita (58-59). Cremona risponde con Happ, Richardson e Saunders ma la Virtus trova al 25′ il suo massimo vantaggio sul 64-67 grazie alla tripla di Buford. La Vanoli risponde immediatamente con Ruzzier e si va avanti punto a punto per altri due minuti. Poi, quattro punti di Happ e sette punti di De Vico, con gli ultimi due sulla sirena, riportano avanti 80-75 i biancoblu al 30′. Nei primi cinque minuti dell’ultimo periodo la Vanoli produce il break decisivo e lo fa alzando finalmente i giri in difesa. In attacco l’asse Diener-Happ produce assist e canestri, poi due triple di Mathews regalano a Cremona il 93-79, massimo vantaggio interno, a 6 e 30 dalla sirena. Roma prova a reagire ma un’altro canestro da tre punti, questa volta di Ruzzier, mantiene le distanze. La Vanoli controlla infine gli ultimi tentativi ospiti chiudendo la partita sul punteggio di 103-92.

MVP – E’ ancora una volta Ethan Happ il migliore in campo. Nella battaglia sotto canestro con Davon Jefferson, il centro biancoblu ha la meglio sfoderando una prestazione da 28 punti con 14/21 al tiro (67%), 12 rimbalzi, 4 palle recuperate, 2 assist per 36 di valutazione finale.

I PROTAGONISTI – Se Happ è l’MVP per le cifre prodotte, Mathews lo è per l’efficacia in campo. In 19 minuti sono 14 i punti per lui, tutti pesantissimi, vedi le due triple di inizio quarto periodo, con il 50% dal campo (4/8 con 3/6 da tre). Ruzzier in 21 minuti ne mette 15 con 4/5 da tre e 5 assist, Saunders 13 con 4 rimbalzi e 6 assist, Richardson 12, Akele 4, De Vico e Stojanovic 7 a testa.  Tutti beneficiano delle giocate di Travis Diener che in 18 minuti mette una tripla ma, soprattutto, distribuisce 12 assist. Roma ha 23 punti e 8 rimbalzi da Jefferson, 18 e 8 rimbalzi da Kyzlink, 14 e 6 assist da Buford e 13 e 4 assist da Dyson. 9 a testa per Alibegovic e Pini.

IL DATO – Gli attacchi hanno certamente la meglio sulle difese e le percentuali dal campo lo confermano. Cremona tira infatti con il 59,6% da due (31/52) e con il 47,8% da tre (11/23), Roma risponde con il 62,5% da due (30/48) e il 35% da tre (7/20). Se i punti in area si equivalgono per le due squadre (58 per Cremona, 56 per Roma), i biancoblu sono molto più efficaci quando riescono a correre in campo aperto producendo ben 24 punti contro i 10 dei capitolini. Cremona va sotto a rimbalzo (31 a 42) ma produce 30 assist, suo massimo in serie A, contro i 13 di Roma. Il saldo palle perse/palle recuperate è poi in attivo per il biancoblu (7-10) mentre è negativo per la Virtus (15-4).

IL MOMENTO CHIAVE – Cremona segna molto nel primo tempo (58 punti) ma, nonostante questo, viene ripresa da una Virtus che sfrutta bene le amnesie difensive biancoblu. Il sorpasso a metà terzo quarto produce la reazione della Vanoli. I primi cinque minuti dell’ultimo periodo sono decisivi per il successo biancoblu. Alcune buone difese e le due triple di Mathews producono lo strappo che lancia definitivamente Cremona verso la vittoria.