È una Vanoli praticamente perfetta quella che si prende la scena alla Segafredo Arena di Bologna sconfiggendo la Virtus 92-95. Guidati da un Peppe Poeta da 28 punti e 33 di valutazione, i biancoblu costruiscono la loro prima vittoria, in questo campionato 2020/2021, raggiungendo un vantaggio di 21 punti nei primi tre parziali di gioco e sono bravi a difenderla sino alla fine resistendo al ritorno delle V nere negli ultimi dieci minuti.

LA CRONACA – Parte bene la Vanoli che nei primi otto minuti tiene la testa avanti grazie alle triple di Mian e Palmi. Sul punteggio di 8-12 è la panchina della Virtus a chiamare il time out. Ma al rientro in campo cinque punti di Hommes e una tripla di TJ Williams regalano il massimo vantaggio alla Vanoli al 10’ (10-20). Dopo il 4-0 Virtus in partenza di secondo quarto ci sono subito i sei punti a rispondere della Vanoli per il + 12 biancoblu. Il nuovo parziale di 6-0 della Segafredo costringe Galbiati a fermare il tempo. In uscita contro parziale di 9-0 della Vanoli per il 33-45. Si va negli spogliatoi sul punteggio di 36-46 per i biancoblu che restano avanti grazie ai 10 punti di Hommes e ai tanti rimbalzi offensivi. Si riparte con un libero di Hommes per un tecnico alla panchina Virtus nell’intervallo e lo stesso Hommes mette la tripla del +14. La Virtus è Teodosic che con cinque punti risponde al solito Hommes. La tripla di Mian e il contropiede di TJ Williams lanciano la Vanoli al + 17 (45-62) e costringono i padroni di casa al time out. 4-0 Virtus in uscita e ancora Mian da otto metri (51-65). E’ poi Peppe Poeta da lontanissimo che mette il canestro del 59-80 che chiude il terzo periodo con ben 33 punti segnati dai biancoblu. Si riprende ed è subito 7-0 Virtus con la Vanoli bloccata in attacco. Time out cremonese ma è ancora la Segafredo per il 76-82. È poi ancora Poeta con la tripla a costringere la Virtus a fermare il tempo. Bologna arriva a meno 2 (86-88) ma è la stoppata di Lee e di nuovo Poeta da casa sua, a 30 secondi dal termine, a segnare la tripla del 86-91. Teodosic perde la palla in uscita dal time out e poi si va con i liberi finali per il 92-95 che permette alla Vanoli di sbancare la Segafredo Arena e di prendersi la prima vittoria in campionato.

MVP – Peppe Poeta gioca una super partita trovando i canestri decisivi nei momenti decisivi. Per lui ci sono 28 punti in 21 minuti con 7/8 da tre punti e 7/8 ai liberi, oltre a 4 assist e 7 falli subiti per 33 di valutazione finale.

I PROTAGONISTI – Per Cremona ci sono anche i 23 punti e 5 rimbalzi di Daulton Hommes che chiude con 28 di valutazione. Fabio Mian gioca una partita perfetta per intensità e precisione. Per lui 12 punti con 4/8 da tre e 7 rimbalzi. Marcus Lee è il migliore della Vanoli sotto i tabelloni con 10 ed è anche l’autore della stoppata decisiva a meno di un minuto dal termine. Alla Virtus non bastano i 22 punti e 4 assist del solito grande Teodosic e non bastano neppure altri tre uomini in doppia cifra: Adams con 16 e Hunter e Markovic con 12.

IL DATO – Cremona costruisce la sua vittoria con la precisione da oltre l’arco e la supremazia a rimbalzo in una partita dove dimostra di avere più energia, più voglia e attenzione degli avversari su ogni pallone vagante. Le 17 triple segnate su 33 tentativi (51.5%%) fanno tutta la differenza rispetto a una Virtus che si ferma a un comunque ottimo 11/23 (47.8%) e che tira di più e meglio della Vanoli da due punti (20/40, 50% contro l’11/34, 32.4% cremonese). Il 41-35 a rimbalzo per i biancoblu con ben 13 rimbalzi offensivi regala poi alla Vanoli tanti extra possessi spesso ben sfruttati.

IL MOMENTO CHIAVE – La Vanoli controlla l’incontro sin dalla fine del primo periodo quando con Hommes e TJ Williams raggiunge la doppia cifra di vantaggio. Vantaggio che è brava ad incrementare nei due quarti centrali arrivando ad avere 21 punti di margine al 30′. Negli ultimi 10 minuti lo scontato rientro, sino al meno due, delle forti V nere viene rintuzzato definitivamente a poco meno di un minuto dal termine grazie alla stoppata di Marcus Lee su Hunter lanciato in contropiede e alla successiva ennesima tripla da otto metri di Peppe Poeta che regala il doppio possesso di vantaggio ai biancoblu.