La Vanoli combatte per 40’ e gioca bene per larghissimi tratti a Bernareggio contro l’attuale capolista del campionato. I cremonesi sono costretti a cedere nei minuti finali complici le cattive percentuali nel tiro da fuori ma anche per merito di un’avversaria che conferma lo stato di forma attuale e il valore di alcune sue individualità come Tulumello, autentico mattatore di serata, e Monina, big man scuola Olimpia Milano. La partenza è di marca Vanoli, che difende con attenzione e colpisce con la sua arma migliore, il contropiede e le bombe in transizione firmate da Baggi. Il primo a chiamare timeout è coach Cardani e i padroni di casa escono con le idee più chiare, ma i cremonesi mantengono lucidità in attacco e applicazione in difesa e chiudono avanti il primo quarto. Nel secondo periodo i padroni di casa operano il primo sorpasso ma Cremona tiene botta guidata da Ariazzi, ma sul “meno 2” a un minuto e mezzo dalla fine un paio di ingenuità a rimbalzo e un contropiede mancato producono un 7-0 per Bernareggio che lascia il segno dopo 18’ di grande equilibrio. Al rientro dagli spogliatoi Bernareggio apre con un’altra tripla e ancora una volta in men che non si dica Cremona torna a “meno 12” nonostante un primo tempo ottimo. I ragazzi di coach Baiardo ancora una volta riordinano le idee, trovano buone soluzioni in attacco pur perdendo un po’ di lucidità dovuta alla stanchezza, e non mollano la presa in difesa, favorendo il “meno 7” a 10’ dal termine che diventa “meno 5” subito dopo. Tulumello però suona la carica e con una tripla da distanza siderale ristabilisce le distanze, Trunic risponde attaccando il canestro e andando in lunetta coadiuvato da Ariazzi che tiene vive le speranze dei cremonesi. Ma è ancora Tulumello con un altro canestro super a cacciare indietro la Vanoli che negli ultimi minuti paga ancora di più le cattive percentuali al tiro da 3 nonostante tante conclusioni aperte e ben costruite. Le sole quattro triple realizzate infatti pesano nell’economia della partita per una squadra che ne fa una delle sue armi principali, e negli ultimi minuti Bernareggio ne approfitta per ampliare il divario e chiudere con un punteggio bugiardo e che non rispecchia quanto visto nei 40’.

PALL. BERNAREGGIO 75
VANOLI YOUNG 58
Pall. Bernareggio: Bonvini 11, Ciancio, Finazzier 10, Ghedini 6, Iacovone, Marra 2, Monina 17, Pirola, Pirotta 4, Resmini 3, Tulumello 22. All. Cardani.
Vanoli Young: Ariazzi 19, Baggi 13, Bandera 2, Bertoglio, Bonazzoli 2, Garini, Cavagnini, Chiozza 2, Penna, Strautmanis 8, Trunic 12. All. Baiardo.
Arbitri: Del Felice e Di Luzio.
Parziali: 14-15; 36-27; 52-45.