Una Vanoli Cremona determinata ci prova fino in fondo ma non basta. Vince la Fortitudo Bologna 85-83.

La Vanoli Cremona ci prova fino alla fine ma non basta per tornare a casa da Bologna con la vittoria. La Fortitudo vince infatti 85-83 la sfida salvezza del PalaDozza. I ragazzi di coach Galbiati, a causa delle pesanti assenze di Poeta e Pecchia, ruotano in otto, con il giovane Vecchiola a dare qualche minuto di riposo agli esterni, e, pur sconfitti, escono tutti dal campo a testa alta, poichè tutti hanno lottato e portato il loro contributo per arrivare a giocarsela all’ultimo tiro.

LA PARTITA – Cremona nel primo quarto è partita forte (7-0) ma Bologna ha risposto immediatamente (9-0) e ha preso subito dopo qualche punto di vantaggio. La Vanoli chiude però il periodo con la tripla di Spagnolo che fissa sul 25-22 il punteggio. Nel secondo quarto è Cremona che recupera velocemente e, grazie ancora a Spagnolo e Juskevicius, si porta avanti sino al 44-47 di metà incontro. Alla ripresa la Vanoli concede qualcosa a Bologna che con la zona e i canestri di Groselle, prima si riporta sotto e poi prova a dare la spallata decisiva alla partita. Ma Cremona rimane attaccata nel punteggio e al 30′ è 66-62. Sono ancora i padroni di casa che partono meglio negli ultimi dieci minuti (73-65) con Galbiati costretto a chiamare il suo ultimo time out. La Vanoli esce bene dal minuto con la tripla di Kohs. Bologna però tiene ancora le redini dell’incontro grazie a qualche palla persa di troppo dei biancoblu (79-70). I liberi di Spagnolo danno però il via al parziale di Cremona (9-2) chiuso poi con la tripla di Tinkle (81-79). La Vanoli ha in mano anche la palla del pareggio ma viene fischiato fallo di sfondamento a Spagnolo. Sono poi i liberi a chiudere la gara con il canestro di Tinkle che fissa il punteggio finale sull’85-83.

I PROTAGONISTI – Cremona manda in doppia cifra sei degli otto giocatori scesi in campo con Tinkle che chiude a 17 con 5 rimbalzi, Spagnolo a 15, McNeace a 14 con 9 rimbalzi, Kohs a 12, Juskevicius a 11 con 6 assist e Cournooh a 10. Bologna ha 27 punti da Aradori, 21 da Groselle, 11 da Benzing e 10 da Feldeine.

IL DATO – Bologna costruisce il suo successo nel pitturato dove segna 22 canestri su 45 tentativi. Cremona tira meno anche se meglio da due (18/34) ma resta in partita grazie alle tre triple in più segnate (13-10). A rimbalzo è 35-34 Cremona ma alla fine pesa di più il saldo palle perse/palle recuperate: 9/7 per Bologna, 13/3 per Cremona.

IL MOMENTO CHIAVE – I liberi finali di Aradori regalano il doppio possesso di vantaggio a Bologna a 5 secondi dal termine. Cremona può solo accorciare con il canestro di Tinkle sulla sirena.

Foto: CiamilloCastoria

Torna su