La Vanoli vince e convince al PalaRadi contro la Carpegna Prosciutto Pesaro imponendosi con il punteggio di 100-78. Tanti gli aspetti positivi per coach Paolo Galbiati. Anche in questa occasione infatti la sua squadra porta cinque uomini in doppia cifra con altri due che si fermano a 9 e uno a sette, segna 100 punti passandosi bene la palla, con 24 assist complessivi, e soprattutto è efficace in fase difensiva costringendo spesso Pesaro ad uscire dai propri giochi e a prendere tiri costruiti non nel migliore dei modi.

LA CRONACA – Al due a zero iniziale firmato da Cain, unico vantaggio ospite in tutta la partita, risponde immediatamente la Vanoli che, come sette giorni fa, trova in Fabio Mian il proprio terminale offensivo più caldo. Per lui è un quarto da 18 punti con 6/7 da tre punti e per la Vanoli è 24-16 alla prima sirena. Nel secondo quarto Cremona mantiene il vantaggio continuando a capitalizzare le buone scelte offensive con cinque punti di Daulton Hommes ma soprattutto con l’impatto sul match di capitan Peppe Poeta. Per lui 9 punti in 10 minuti compresa la tripla sulla sirena che manda le squadre negli spogliatoi sul 46-31. Pesaro trova i 7 punti di Zanotti per limitare i danni. Alla ripresa delle ostilità la tripla di Filipovity e il canestro di Robinson fanno momentaneamente respirare la Carpegna Prosciutto ma Jarvis Williams e i tre punti di Hommes rimettono le cose a posto per i biancoblu (53-36). Cournooh al 25′ aggiunge un’altra tripla per il 59-42 a cui però risponde immediatamente Tambone. Ma Cremona è in controllo e va a chiudere il quarto incrementando il proprio vantaggio e portandolo a venti punti di margine (73-53). L’ultimo quarto non cambia le cose anche se Pesaro prova a riavvicinarsi grazie ai due tiri da tre punti di Filloy. Ma il pick and roll tra Peppe Poeta e Marcus Lee regala altre due giocate che portano il lungo a concludere nel modo preferito, la schiacciata. Cremona non alza mai il piede dall’acceleratore continuando a difendere nel migliore dei modi, con un occhio anche al +12 con cui Pesaro aveva chiuso la partita di andata e, negli ultimi secondi, arrivano anche l’esordio di Filippo Gallo e gli ultimi due liberi di Daulton Hommes che regalano quota 100 alla Vanoli.

MVP – Fabio Mian, a sette giorni dalla gara con Trento, si ripete. Spacca in due la partita con un primo quarto da 18 punti con 6/7 da tre e chiude con 23 punti (6/8 da tre), 4 rimbalzi e 4 assist in 33 minuti per 26 di valutazione finale.

I PROTAGONISTI – Cremona manda cinque giocatori in doppia cifra. Oltre a Mian, Poeta conclude la sua prova con 16 punti e 6 assist, TJ Williams ne mette 12 così come Hommes e Cournooh che aggiungono rispettivamente 7 e 6 rimbalzi. Barford e Lee si fermano a 9 mentre Jarvis Williams ne segna 7 ma con 14 rimbalzi. Pesaro ha 16 punti da Robinson con 5 assist, 15 da Filipovity e 13 da Tambone. Cain è però il migliore per valutazione con 17, grazie ai 9 punti e soprattutto ai 15 rimbalzi.

IL DATO – Cremona difende bene sporcando le percentuali di Pesaro, soprattutto quella da oltre l’arco dove gli ospiti tirano con il 22.6 (7/31). Nel contempo l’attacco biancoblu funziona al meglio grazie ai 24 assist. Tanti i tiri ben presi che alzano le percentuali sia da due (23/39, 59.0%) che da tre (11/20, 55.0%).

IL MOMENTO CHIAVE – Il primo quarto della Vanoli, e soprattutto di Fabio Mian, indirizza la partita sui giusti binari per i biancoblu. Cremona poi rimane in controllo con una costante buona difesa e sfruttando bene in attacco protagonisti diversi.

Foto Morgano/DueEsseGroup