Con una prestazione tutto cuore la Vanoli Cremona cancella subito la brutta sconfitta del PalaMaggiò, riuscendo ad ottenere il prestigioso scalpo di Venezia dopo un tempo supplementare. Dopo una partenza pimpante i ragazzi di Pancotto subiscono il rientro degli ospiti, che con un parziale di 10-0 ricuciono il gap del primo quarto. Si va avanti di strappi e controstrappi fino ai minuti finali dei tempi regolamentari, quando Ress subisce fallo a rimbalzo ed impatta dalla lunetta a quota 61 non riuscendo a tirare in tempo nel possesso finale.
Nel supplementare l’inerzia sembra passare nelle mani di Venezia, che con cento secondi da giocare è avanti 72-67 e apparentemente in controllo, ma la tripla dall’angolo di Mian e quella dal palleggio del solito Turner portano Cremona sul 73 pari, che si schioda grazie all’1/2 di Washington dopo l’ingenuo fallo con palla lontana di Savovic.
A nulla serve l’ultimo disperato tentativo di Goss, che si porta la palla direttamente fuori.

I PROTAGONISTI – Venezia si appoggia alle giocate dell’ex Jackson (22 punti con 5/9 da 3) e all’esperienza di Ress, che ne timbra 16 con quattro triple. Cremona trova personalità e punti importanti da diversi protagonisti: sono infatti cinque i biancoblu in doppia cifra, con McGee miglior marcatore a quota 13.

IL DATO – Cremona difende bene il pitturato, con Venezia che si affida maggiormente alle conclusioni da 3 rispetto a quelle da 2. Il 46% da 3 dei lagunari è notevole, ma la Vanoli riesce a spuntarla grazie al 38-27 a rimbalzo. Stessi assist (16) di Venezia, la migliore in campionato in questa statistica.

IL MOMENTO CHIAVE – Manco a dirlo, la bomba di Turner condita dal libero di Washington. L’1/2 dalla linea della carità di Jackson aveva appena ridato tre lunghezze di vantaggio alla Reyer. Dall’altra parte Elston, con la magata dal palleggio che è ormai un marchio di fabbrica, ristabilisce la parità, mentre Deron dalla lunetta infila il definitivo 74-73

LE DICHIARAZIONICharlie Recalcati (Coach Umana Venezia) “Una sconfitta incredibile, faccio comunque i complimenti ai miei ragazzi che arrivavano da una trasferta non facile in Russia. Il doppio impegno ci toglie innegabilmente energia ma abbiamo un roster che può gestire questa situazione, anche se gli ultimi infortuni ci hanno un po’ penalizzato. Cremona merita di fare i playoff e li farà, noi non possiamo più solamente guardare avanti. Le altre si sono rafforzate, faremmo meglio a guardarci anche le spalle”.
Cesare Pancotto (Coach Vanoli Cremona)“E’ il primo supplementare che riusciamo a vincere, nel time out finale ho cercato di dare certezze e tranquillità ai ragazzi, ma è il lavoro settimanale che mi permette di poter chiedere il meglio in situazioni di tale pressione. Mian è stato decisivo e Dragovic ha giocato un’ottima partita. Vitali non era al meglio, sembrava non dovesse giocare poi mi ha detto di volerci provare. Un grande esempio di maturità e professionalità. Si aprono scenari importanti, ma non dobbiamo dimenticare i valori che ci hanno portati sin qui”.

Ufficio Stampa
Vanoli Basket