Pronto riscatto per la Vanoli Cremona che, dopo la battuta di arresto di sette giorni fa con Cantù, ritorna alla vittoria e lo fa in trasferta violando un tempio della pallacanestro italiana come il PalaDozza, battendo la Virtus Segafredo Bologna con il punteggio di 66-84.

LA CRONACA – Al 4-0 iniziale dei padroni di casa rispondono subito Crawford e Mathiang per una partita che rimane in equilibrio sino al quinto minuto quando le due triple di Aldridge e il canestro di Crawford danno 5 punti di vantaggio ai biancoblu (8-13) Il 5-0 targato Pippo Ricci manda avanti la Vanoli 11-18. Il quarto si conclude coi due liberi di Aradori che fissano il punteggio sul 19-22. Il secondo quarto è fatto di grandi parziali e contro parziali. 6-0 Virtus in avvio a cui risponde il 7-0 Vanoli in uscita dal time out. È ancora la Segafredo che piazza l’11-0 per il 35-29 al 17’. La Vanoli risponde immediatamente e la tripla di Demps sulla seconda sirena manda tutti negli spogliatoi sul punteggio di 37-38. Il secondo tempo della Vanoli è di grande livello e fin da terzo quarto Diener e compagni alzano i giri in difesa e cominciano ad accumulare un vantaggio significativo con buoni canestri in attacco. Mathiang è una presenza costante sotto il tabellone della Virtus e i canestri di Ricci e la tripla di Diener portano avanti Cremona 47-56 al 27’. Si accende anche Crawford e la Vanoli chiude al 30’ in vantaggio di 9 punti (54-63). Nell’ultimo quarto una tripla di Ruzzier porta il punteggio sul 54-68. La Virtus prova a mettere in campo il massimo sforzo per rientrare in partita. La zona chiamata da coach Sacripanti mette in difficoltà la Vanoli che resta inchiodata nel punteggio sino al 62-68 a tre minuti dal termine. È una tripla di Aldridge, ben imbeccato dal solito Diener, che sblocca i biancoblu. Il punteggio finale si dilata poi grazie ai canestri di Crawford, Saunders e Ricci sino al 66-84 finale.

MVP – Gianpaolo Ricci segna 16 punti in 15 minuti con 2/2 da due punti, 3/5 da tre punti, 3/4 ai liberi e 7 rimbalzi.

I PROTAGONISTI – Per la Vanoli, in una partita dove ognuno ha portato il suo mattoncino, oltre a Ricci ci sono i 16 punti di Aldridge con 10 rimbalzi e 3 assist, i 13 di Crawford con 5 rimbalzi, la doppia doppia da 10 punti e 11 rimbalzi di Mathiang, i 9 punti di Saunders con 11  e gli otto punti con 9 assist di un Travis Diener che ha orchestrato al meglio il gioco biancoblu. 9 punti anche per Demps. Per Bologna non bastano i 16 punti di Aradori e gli 11 dell’ex Kelvin Martin.

IL DATO – Cremona mantiene sempre alto, come nel suo stile, il numero di tiri (73) con la differenza rispetto alle precedenti tre uscite di una percentuale da tre che si è notevolmente alzata (12/29, 41.4%). La Virtus in questo fondamentale fa peggio fermandosi al 21.7% (5/23) La Vanoli è però brava a sfruttare anche il gioco interno e, complice l’assenza in casa Virtus di QVale, a dominare a rimbalzo (35-52) con ben 15 catturati in fase offensiva.

IL MOMENTO CHIAVE – Il secondo tempo biancoblu è di grande livello e permette agli uomini di coach Sacchetti di prendere pian piano il sopravvento sulla partita. La tripla di Aldridge a 3 minuti dal termine ferma l’ultimo tentativo della Virtus di rientrare nel match e lancia definitivamente la Vanoli verso il suo secondo successo esterno in fila.