La Vanoli Cremona coglie la sua prima vittoria lontano dal PalaRadi battendo 58-64 alla Unipol Arena di Bologna la Unahotels Reggio Emilia. I ragazzi di coach Paolo Galbiati, con nuovamente in campo anche il capitano Peppe Poeta, portano a casa il risultato al termine di un incontro giocato sul filo dell’equilibrio, dove però hanno saputo sempre condurre il gioco mantenendo per quasi tutti i quaranta minuti un minimo vantaggio.

LA CRONACA – Si parte subito con i primi cinque minuti caratterizzati da un parziale di 8-0 per Cremona e un contro parziale di 9-0 per Reggio. Poi la partita prosegue in equilibrio sino al decimo minuto quando un 5-0 firmato Pecchia regala il vantaggio 14-19 a Cremona alla prima sirena. Cremona riparte ancora con Pecchia e Cournooh per il massimo vantaggio. Reggio risponde con Candi da tre punti. Al 16’ è 29-25 con coach Galbiati che chiama il primo time out della partita. Dopo alcuni minuti di equilibrio, la Vanoli riprende quattro punti di vantaggio e si va all’intervallo lungo sul punteggio di 31-35. Riparte meglio Reggio che, dopo il canestro di McNeace, prima si riporta sotto e poi sorpassa al 24’(42-40). La reazione di Cremona è ancora una volta firmata da Andrea Pecchia per il 42-47 al 27’. Strautins poi pareggia a 47 e alla penultima sirena e 47-48 Vanoli grazie al libero di Miller. In avvio di ultimo quarto è Cremona che prova immediatamente a scappare grazie alla tripla di Spagnolo e ai due punti di David Cournooh (47-53) ma Reggio risponde ancora con Candi da tre punti. Gli errori sono tanti da entrambe le parti con la Vanoli che riesce a mantenere un possesso di vantaggio sino a due minuti dal termine (54-57). Un canestro di Thompson riavvicina la Unahotels (56-57) ma l’americano di Reggio Emilia sbaglia il libero supplementare del pareggio. Dalla parte opposta Cournooh prima sbaglia la tripla ma sul rimbalzo offensivo di Pecchia mette con freddezza il secondo tentativo. Crawford in entrata a 32 secondi dal termine mantiene viva la speranza dei padroni di casa ma dalla parte opposta il jumper segnato con freddezza da Matteo Spagnolo riallontana Cremona che, dopo l’ultimo tentativo di Reggio Emilia, chiude con il contropiede di Andrea Pecchia che vale il 58-64 finale.

MVP – Andrea Pecchia gioca una grande partita, risultando decisivo in tutti i parziali che Cremona ha prodotto per mantenere il vantaggio. Per lui ci sono 23 punti in 29 minuti di gioco frutto di un 7/7 da due punti, un 2/8 da tre e un 2/5 ai liberi. 5 sono i rimbalzi e 2 gli assist per un 26 di valutazione finale.

I PROTAGONISTI – Cremona manda in doppia cifra anche Cournooh con 16 (con 6 rimbalzi e 4 assist) e Spagnolo con 11 (con 5 rimbalzi e 1 assist), entrambi decisivi nel finale. Poeta rientra in campionato con 4 assist. Reggio Emilia ha in Crawford con 11 punti, 6 rimbalzi e 4 assist il suo miglior giocatore in campo. Candi chiude con 10 (3/6 da tre) e 5 assist. Thompson si ferma a 9 punti, Baldi Rossi e Hopkins a 8.

IL DATO – Reggio Emilia tira meglio da tre punti (7/24, 29.2% contro il 6/36, 16.7% di Cremona) e riesce ad andare in lunetta 19 volte mettendo a segno 15 punti contro il 4/7 della Vanoli. Ma la differenza per i biancoblu la fa il 56.8% da due (21/37) contro il 30.6% (11/36) dei padroni di casa. Cinque assist in più per Cremona (12/17).

IL MOMENTO CHIAVE – In una partita molto equilibrata, con tanti errori dal campo e fatta di parziali e contro parziali, Cremona trova le giocate decisive nell’ultimo minuto di gioco grazie alla tripla di David Cournooh e al canestro di Matteo Spagnolo.

Foto: Ciamillo/Castoria