VANOLI_partita-2

Vincere aiuta a vincere e, dopo il successo di Pesaro, ecco che si torna di nuovo a calcare il parquet del PalaRadi per l’ennesima emozionante sfida di questo campionato. Speranze playoff, emozioni, lampi di talento ed ottime giocate: sono solo alcune delle possibili sfumature che descrivono l’odierna sfida tra Vanoli Basket Cremona vs Virtus Granarolo Bologna. Con ancora negli occhi la scintillante vittoria della gara di andata e lasciato alle spalle il recente trend negativo che ha portato Vitali e compagni ad una serie di quattro sconfitte consecutive, per la Vanoli questa undicesima giornata di ritorno non può che rappresentare una gara ad alto voltaggio. Formazione equilibrata e in salute, la Virtus di Coach Giorgio Valli è avversario complicato per tutti. Ancora una volta, sarà quindi importante che il pubblico di Cremona si trasformi nel sesto uomo in campo per battere queste V nere.

Go hard or go home

Statistiche alla mano si nota che Cremona conclude meglio da due punti (47.8 vs 43.7) e dalla lunetta (80.2 vs 76.7 ai liberi). Bologna, invece, tira meglio da tre (35.2 vs 32.4 dei cremonesi), ha conquistato più rimbalzi  (955 vs 900) e servito più assist (310 vs 294). Se la matematica non è un’opinione, quello che i numeri non possono descrivere è che spesso alcuni dettagli non riportati a referto risultano però decisivi. Cuore, grinta e determinazione: gli uomini di coach Pancotto non hanno mai mollato di un centimetro, hanno sempre lavorato con passione e dedizione e siamo così convinti che chi scenderà in campo questa sera darà il 110% per portare alla vittoria la Vanoli!

*Il momento dell’avversario – Settima in classifica con tredici vittorie e dodici sconfitte all’attivo (con due punti di penalizzazione), la Virtus si presenta al PalaRadi reduce dal successo casalingo con Varese (86-78). Trascinata nell’ultima gara dalla coppia White-Ray (18), e dal tandem Hazell (17) e Fontecchio (11), allargando l’orizzonte i numeri raccontano di 1903 realizzati e 1960 punti subiti, con una media di 76.1 fatti e 78.4 concessi. Dati simili se confrontati con i 1901 fatti ed i 1919 concessi (media 76.0 e 76.8) dai biancoblu. Tre sorrisi esterni e dieci vittorie interne: le V nere hanno sin qui avuto un percorso lineare caratterizzato da una serie di tre successi consecutivi (15esima Trento, 1a rit. Sassari, 2a rit. Capo d’Orlando)  e da una striscia di massimo due ko filati ripetuta per quattro volte.

All’andata andò così… Virtus Granarolo Bologna vs Vanoli Basket Cremona 70-83 (20 dicembre 2014)

Cremona torna alla vittoria! Bologna battuta 70-83. Bologna ha fretta e trova i canestri che la portano fino al -5 sul 58-63 ma Vitali crea e concretizza in proprio rimettendo subito 7 punti tra sé e le V nere. A metà ultimo quarto, sul +4 cremonese, dopo una scorribanda in area Jazz consegna a Cusin che appoggia a canestro 2 punti di puro ossigeno per il nuovo +8. Hayes entra in trance e con 4 punti consecutivi rimette 10 punti di distacco a favore dei cremonesi. Con meno di tre minuti da giocare Ferguson mette una tripla dal nulla che piega le gambe a Bologna, già in bonus. Hayes mette il 18esimo punto personale per il +13 cremonese. Con 90 ” secondi da giocare, Cremona non si spaventa sulla tripla di Fontecchio del 68-76 perché la bomba di Clark sigilla il 70-83 finale.

*Stagione 2013/2014 – Sono diversi i cambiamenti che modificano l’assetto societario delle V nere. A maggio del 2013, Renato Villalta diventa il nuovo presidente della Virtus Pallacanestro Bologna, subentrando così al dimissionario Marchesini, mentre Piergiorgio Bottai viene nominato amministratore delegato al posto di Claudio Sabatini. Da giugno, invece, Bruno Arrigoni, in precedenza direttore sportivo della Pallacanestro Cantù, prende il posto di Massimo Faraoni ricoprendo lo stesso in carico per gli emiliani. Il mese di gennaio rappresenta una nuova svolta, questa volta dal punto di vista cestistico. Il 27 gennaio 2014 viene ufficializzato l’accordo con Giorgio Valli, che prende il posto dell’esonerato Luca Bechi. In corso di stagione vengono poi acquistati l’ala grande Ndudi Ebi dal Bnei Ha Sharon (Israele) e la guardia USA Willie Warren dal Szolnoki Olaj (Ungheria). Ceduti Corrado Bianconi a Imola, l’ala Aristide Landi alla Fortitudo Bologna e Casper Ware (guardia) ai Philadelphia 76ers, la squadra chiude al tredicesimo posto il campionato di massima serie, a pari punti con la Vanoli Basket Cremona (22). 

Virtus Granarolo Bologna 2014/2015 

oksLa guida tecnica è di nuovo affidata a coach Giorgio Valli, mentre rimangono nella città dei portici Matteo Imbrò (playmaker classe ’94) e l’ala di 199 cm Simone Fontecchio. Sono invece otto gli innesti operati dalla società del presidente Villalta. Okaro White, ala USA di 205 cm, non selezionato al Draft NBA, ma reduce da una convincente Summer League a Orlando con i colori dei Memphis Grizzlies. Altro italiano a vestire i colori della Virtus è Gino Cuccarolo, centro di ben 221 cm in arrivo dal Basket Brescia Leonessa, dove vi è rimasto per due stagioni. Ripetutamente presente nelle nazionali giovanili, nel 2005 ha conquistato il bronzo europeo con l’Under 18, nel 2007 quello con l’Under 20. Conta una presenza in Nazionale maggiore. Tenta l’avventura europea anche il play Abdul Gaddy dopo aver chiuso la Summer League con i New Orleans Pelicans a 5.2 punti e 3.2 assist in cinque gare. Dopo due stagioni in Sicilia, da Capo d’Orlando, con 66 presenze e 619 punti arriva la guardia Marco Portannese, mentre completano la formazione Valerio Mazzola (ala da Montegranaro), lo statunitense Jeremy Hazell (guardia da Juventus Utena, Lituania), il centro USA Augustus Gilchrist (dalla D-League dove ha indossato la canotta di Iowa Energy), e l’ex guardia Virtus Roma, Ferrara e Montegranaro Allan Ray (ultimo anno al Cedevita Zagabria, in Croazia). Aggregati alla prima squadra ci sono il diciannovenne Gabriele Benetti e il classe ’97 Stefan Nikolic. Ceduto Gilchrist all’Albacomp (Ungheria),  dal 21 gennaio indossa la canotta delle V nere anche Juvonte Reddic, ala/centro in arrivo dalla Consultinvest Pesaro. Di poche settimane fa è invece la notizia del rinnovo biennale del capitano Allan Ray: «È la prima volta in carriera che firmo un biennale. Questo la dice lunga sulla volontà di indossare questa maglia».

Classifica e quadro completo della giornata

XI