VANOLI_OGGIVendicare il ko subito all’andata per continuare ad inseguire il sogno playoff: arrivati alla nona giornata di ritorno, sembra essere questo il mantra che anima i biancoblu in vista della sfida odierna con l’Acea Roma. Dopo tre ko consecutivi ed entrati ormai nella fase finale di questa regular season, la Vanoli Basket Cremona è pronta a giocarsi fino alla fine le sue carte. Dopo aver centrato lo storico traguardo della Final Eight di Coppa Italia, Vitali e compagni proveranno ad alzare nuovamente di un’ottava il ritmo e l’intensità delle loro giocate. Crederci sempre e mollare mai, quindi, per una Vanoli che sin qui ha impressionato per gioco, grinta, talento e cuore. Ad attendere il team cremonese ci sarà una Virtus Roma in netta ascesa. Lasciato alle spalle un momento difficile caratterizzato da tre risultati negativi, D’Ercole e i suoi proveranno a conquistare altri punti per rimanere agganciati al treno playoff che chiuderà questa serieABeko 2014/2015.

 Riconquistare il PalaRadi

Ricordare da dove veniamo per capire chi siamo e dove vogliamo andare. Consapevolezza più che memoria e ‘trust’, fiducia, in compagni, staff e tifosi. Che sia vittoria o sconfitta, prestazione scintillante o prova sottotono, i ragazzi guidati da coach Cesare Pancotto non hanno mai perso fiducia in ciò che è stato affrontato insieme nel passato, nelle sfide del presente e in ciò che verrà. Se è vero che i tifosi sono spesso in grado di dare quel qualcosa in più ad una squadra, allora non resta che continuare a sostenere con entusiasmo i nostri beniamini. Forza Vanoli, i supporters presenti al PalaRadi sono pronti a scendere in campo insieme a te.

 Il momento dell’avversario – Diciotto punti in classifica, con nove vittorie, quattordici sconfitte ed una striscia di due successi consecutivi aperta. La Virtus Roma torna così a disputare una gara in trasferta dopo i due turni casalinghi con Reggio Emilia (66-56) e Pistoia (70-63) che di fatto hanno rilanciato le speranze playoff della squadra capitolina. Dopo tre insuccessi filati e la recente reazione, l’Acea proverà a dire la sua anche in chiave post season. Se i numeri raccontano che i giallorossi sono il secondo peggior attacco (con 1632 punti) dopo Capo d’Orlando, le statistiche parlano anche di 1682 punti subiti, dato che qualifica la formazione di coach Dalmonte come la seconda miglior difesa del torneo dopo Milano. Delle undici trasferte sin qui affrontate, spiccano le nove sconfitte con solo due risultati positivi (vittorie a Capo d’Orlando e Cantù).

All’andata andò così… Acea Roma vs Vanoli Basket Cremona 63-50 (7 dicembre 2014)

A Cremona senza Clark non riesce l’impresa: Roma vince 63-50. Ottima iniziativa di Ferguson ad inizio frazione imitata da Mian poco dopo. Roma approfitta di un paio di palle perse cremonesi e si riporta sul + 8. Tripla sulla sirena dei 24″ di Bell che migliora il 3/18 cremonese da oltre l’arco. Sull’azione successiva lo stesso Bell commette fallo e si vede fischiare anche il tecnico che lo estromette dalla partita. Roma intanto, sospinta da Triche e Jones, è volata a +12 quando mancano 4:22″. Roma gestisce gli ultimi due minuti senza sussulti arrivando sul +16. Cremona ricuce fino al -13 finale: 63-50.

 Stagione 2013/2014 – Sesta in campionato, semifinale play-off scudetto, quarti di finale di Coppa Italia e regular season di Eurocup. Questi i risultati ottenuti la passata stagione da Roma, formazione che in estate è ripartita da coach Luca Dalmonte. Perso Datome, a Goss, Taylor, Jones, D’Ercole e Tonolli si affiancano le novità Jimmy Baron, Trevor Mbakwe, Callistus Eziukwu, Riccardo Moraschini e Quinton Hosley. Con il ritorno di Alex Righetti, dopo sette anni dall’ultima esperienza in maglia romana, per il primo mese della stagione fa parte della rosa anche Michał Ignerski. In Eurocup la Virtus si ferma dopo le 10 partite del primo girone con 3 vittorie e 7 sconfitte. In campionato, invece, a dicembre Roma è nelle zone di testa, mentre chiuderà il girone di andata al quinto posto. Nelle Final Eight di Coppa Italia incontra la Montepaschi Siena e scende sul parquet priva Callistus Eziukwu (tagliato e sostituito da Szymon Szewczyk) e Jordan Taylor, che deve arrendersi dopo un infortunio non riassorbito. Sul finire di febbraio, per sostituire Taylor arriva Josh Mayo da Montegranaro, mentre la situazione di classifica, fino a quel momento buona, rischia di precipitare con 5 sconfitte in 6 giornate tra la 23a e la 28a, intervallate dall’arrivo del lungo Halil Kanacevic. Il punto di svolta della stagione arriva nel momento più difficile: nel secondo tempo della partita contro la Reyer Venezia, dietro di 15 punti dopo 10 minuti e di 16 dopo 20, Roma trova la vittoria che le assicura un posto nei playoff. L’avversaria dei quarti di finale è Cantù. Con la serie che comincia al Pianella ed è accorciata a 3 partite su 5, la Virtus vince due volte in trasferta e chiude la questione in gara-3 al Palazzetto dello Sport dopo un supplementare. In semifinale arriva la Montepaschi Siena. La serie vede Goss e D’Ercole avere più di un guaio fisico, con Roma che perde di due punti gara-1, nettamente gara-2, poi vede Siena passare anche in gara-3. In gara-4 è Roma a portare a casa la vittoria, prima della chiusura della serie in gara-5. Il tutto, tra le lacrime di Goss mentre esce dalla partita per 5 falli. I risultati conseguiti in stagione valgono alla Virtus la qualificazione in Eurocup.

 Acea Roma 2014/2015

roster

Con le conferme di coach Luca Dalmonte, di capitan Lollo D’Ercole e dell’ala Bobby Jones, la Virtus Roma si affida all’ala nigeriana Melvin Ejim (da Iowa State), al belga Maxime De Zeeuw (ala/centro ex Anversa) ed investe sul talento di Daniele Sandri (guardia ex Torino) e del centro in arrivo da Benevento Oleksandr Kushchev. A rinforzare il roster anche il leader da Pistoia Kyle Gibson (guardia), il playmaker classe ’86 Rok Stipcevic (Tofas Bursa,Turchia), lo statunitense esordiente Jordan Morgan (centro, 204 cm da Michigan) e la giovane guardia italiana Gabriele Romeo. Tesserato a fine gennaio il centro nigeriano Ndudi Ebi (207 cm), a febbraio l’ala Rei Pullazi lascia la capitale per approdare all’Eurobasket Roma. Da Capo d’Orlando arriva poi la guardia Austin Freeman, mentre in data 7 marzo 2015 la società comunica di aver licenziato per giusta causa l’atleta ex Trento Brandon Triche. Per ovviare all’assenza dell’infortunato Kyle Gibson, il 20 marzo sbarca ufficialmente nella città eterna anche l’esperta guardia che ha militato in Italia con le maglie di Avellino e Pesaro Ramel Curry.

 Classifica aggiornata e quadro completo della giornata

IX