Nasce il progetto “Si…AMO in diretta” grazie alla sinergia tra Associazione Marcotti Osvaldo ONLUS, InclusiON, Vanoli Basket e SanseBasket

E’ stata una domenica speciale, quella appena passata, che ha visto la Vanoli Basket imporsi sulla NutriBullet Treviso e dato la possibilità di sentire, nel vero senso della parola, il successo dei biancoblu ad un gruppo altrettanto speciale di tifosi.

Grazie al progetto “Si…AMO in diretta”, ideato dall’Associazione Marcotti Osvaldo ONLUS, una ventina di ragazzi con diverse disabilità hanno potuto seguire il match attraverso le voci di tre commentatori e con l’ausilio delle cuffie utilizzate per la “silent disco” fornite dall’azienda Silent System.

“L’idea era quella di permettere loro di partecipare in maniera più coinvolta all’evento – spiega Luca Rivaroli, presidente dell’Associazione Marcotti Osvaldo ONLUS – attraverso una cronaca inclusiva, trasmessa in diretta tramite tecnologia wireless, ed in questo la Vanoli ci ha accolto a braccia aperte”.

“I ragazzi di InclusiON sono soliti andare al PalaRadi per vedere la partita della Vanoli, ma questa volta – racconta il responsabile Manuel Generali – hanno potuto anche ascoltarla. Questa iniziativa ha permesso loro di vivere ancora più da vicino sia il match, grazie alla spiegazione tecnica delle situazioni di gioco e delle decisioni arbitrali, che l’esperienza al PalaRadi nel suo insieme, con esultanze condivise e momenti di pausa arricchiti da risate e balli”.

Tra i commentatori, oltre a 2 membri del gruppo SanseNext, anche il responsabile minibasket Vanoli Young Marco Tempesta: “Raccontare una partita di pallacanestro con un linguaggio semplice ma allo stesso tempo competente non è stato facile, soprattutto all’inizio. Ma nel corso del match il legame tra noi cronisti e i nostri ascoltatori è aumentato sempre più fino ad arrivare al totale coinvolgimento di entrambe le parti che ha prodotto un grande divertimento per tutti. Per essere la prima volta possiamo ritenerci più che soddisfatti ed abbiamo potuto utilizzare questo test per raccogliere informazioni per poter migliorare ancora di più il progetto”.

Progetto che verrà replicato in occasione del derby con la Germani Brescia in programma il 24 aprile con l’obiettivo di coinvolgere, oltre a ragazzi con deficit dell’attenzione, anche persone ipovedenti e renderlo continuativo negli anni a venire.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su