Michele Ruzzier, reduce da un’ottima partita contro la Fortitudo Bologna con 15 punti a referto, ha analizzato a Basket & Co. la vittoria di domenica e la trasferta di Trento:

“Domenica c’è stata una reazione a livello mentale ed emotivo, abbiamo lavorato tutta settimana su noi stessi, senza fasciarci la testa dopo la sconfitta con Cantù, e questo si è visto in campo. Ora, dopo una vittoria, dobbiamo fare esattamente lo stesso.

Contro la Fortitudo abbiamo giocato bene per due quarti e mezzo prima di andare un po’ in difficoltà quando si sono messi a zona: alla fine però abbiamo risposto bene, restando sempre davanti nel punteggio e in controllo.

L’assenza di Travis? Non mi mette pressione, la responsabilità del mio ruolo l’ho sempre sentita, quest’anno come l’anno scorso. Sicuramente avevo bisogno di fare una buona gara contro Bologna per una questione di fiducia, mia e di tutta la squadra.

Ethan Happ si è inserito subito bene, sembra una persona umile e con una gran voglia di lavorare; nonostante qualche problema fisico ha fatto un ottimo esordio!

Giocare a Trento è sempre dura, sono una buona squadra che abbiamo già affrontato due volte in precampionato. Vengono da una vittoria a Pesaro, con più di 100 punti segnati. Dovremo essere bravi a limitare le fonti del loro gioco. Giocheremo alle 12, un orario particolare, soprattutto per quanto riguarda il pasto, ma una volta in campo non ci sono scuse: testa nella partita”.