E’ stato presentato alla stampa Matt Tiby davanti al naturizzatore Padania Acque installato nell’atrio del PalaRadi, erogatore utilizzato sia dalla prima squadra che dai ragazzi delle giovanili.

Anche per la stagione 2019/2020, Padania Acque ha voluto consolidare il suo rapporto con lo sport e soprattutto con lo sport giovanile. I giovani di oggi sono gli adulti del futuro, coloro che saranno chiamati a compiere scelte consapevoli a favore dell’ambiente e del nostro pianeta“: ha aperto così la conferenza il Presidente di Padania Acque Claudio Bodini. “Vanoli Basket ha creduto nell’acqua minerale protetta che arriva nelle nostre case ed è la prima ed unica società del massimo campionato italiano di basket ad aver sostituito l’acqua in bottiglie di plastica con l’acqua del rubinetto. Un modello comportamentale, una buona pratica sportiva e sociale che, a partire dalla nostra città, diventa un esempio per tutte le realtà sportive del Paese. In occasione delle partite casalinghe, i giocatori della Vanoli regaleranno agli avversari le borracce di Padania Acque Goccia e la nostra mascotte Glu Glu regalerà ai tifosi, durante i time out, le magliette autografate dai nostri campioni“.

Si è mostrato subito vicino alla causa “plastic free” Matt Tiby, per poi passare alla pallacanestro: “E’ la mia prima esperienza in Italia, l’anno scorso ero in Turchia. La pallacanestro italiana è più votata al gioco di squadra e il sistema stesso di Meo Sacchetti lascia i giocatori liberi di giocare e sfruttare le proprie capacità, di migliorare anche attraverso i propri errori. Il coach mi piace, è un grande insegnante con cui ci si può confrontare e imparare sempre qualcosa.

Sono rimasto impressionato dal livello di professionismo molto alto, dalla competitività e dalla voglia di vincere che c’è da parte di tutte le squadre. Per stare a questo livello bisogna sempre dare qualcosa in più per provare a primeggiare.

Ogni giorno è utile per migliorare e conoscere i compagni, sia in campo che fuori. Sono abbastanza contento di quanto fatto a Bari, dove abbiamo fatto un passo avanti rispetto alla preseason, anche se siamo arrivati un po’ stanchi alla fine. Da domenica viene il bello“.

La Vanoli ha riposato alla prima giornata di campionato: “Questo può essere un vantaggio ma anche uno svantaggio: hai infatti modo di vedere le altre squadra e di studiarle, lavorare qualche giorno in più, ma giocare e mantenere il ritmo partita è sempre utile per tutti“.

Matt è nato a Urbandale, nella Contea di Polk dello Stato dell’Iowa, una città a dimensione d’uomo: “Cremona mi ricorda la mia città natale, soprattutto per la presenza di molto campi, del clima caldo e umido. Qui sono a mio agio“.

E’ stato soprannominato “il boscaiolo” (lumberjack): “Mi piace come soprannome, ironia della sorte al college mi chiamavano the sasquatch per il mio aspetto. Mi sono tagliato capelli e barba l’anno scorso in Turchia per eliminare l’energia negativa che mi sentivo addosso. È stata una sorta di rinascita“.

Michele Talamazzi, Matt Tiby e Claudio Bodini con le borracce di Padania Acque “Goccia”