Una squadra profondamente cambiata dopo il cambio di allenatore (Vitucci al posto di Bechi). Dovrebbe rientrare l’acquisto più significativo dal cambio di guida tecnica: Jerome Dyson, vincitore con Sassari dello Scudetto lo scorso anno, giocatore in grado di costruirsi un tiro sia in 1vs1 che da situazione di proll. Come cambio Kloof, sempre pronto ad attaccare il ferro dopo cambio di velocità per finire al ferro. Come guardia Dawkins, tiratore da 3 pts in uscita blocchi e sugli scarichi. Da ala piccola, appena arrivato da Sassari, Eyenga, che prende vantaggio in 1vs1 o usando il suo fisico partendo schiena a canestro. Nello stesso ruolo l’italiano Rosselli, attacca il ferro usando il cambio ritmo e le sue letture per prendere vantaggi offensivi. Da numero 4 Ebi, molto esperto del campionato italiano (già visto a Roma e Avellino), può segnare in mille modi diversi, giocatore davvero imprevedibile su entrambi i lati del campo. Da centro White, giocatore di post up dove prende vantaggi dopo aver fronteggiato per tiro o 1vs1 attaccando il centro area in palleggio. Dalla panchina troviamo l’esperienza di Giachetti, play d’ordine e esperienza che sfrutta il proll per tirare da 2 pts/3 pts. Miller, realizzatore, che può segnare molti punti in pochi minuti. Come cambio del numero 5 l’italiano Fantoni che dà qualche minuto di riposo a White e gioca sugli scarichi in area.