Venezia è sicuramente una delle candidate a lottare per la vittoria finale del campionato: può contare su uno zoccolo duro di giocatori confermati, partendo da Stefano Tonut, guardia classe 1992 in grande crescita, partito benissimo in questo primo scorcio di campionato sfruttando le sue doti di uno contro uno e la sua capacità di “rubare” canestri in contropiede.

Nello spot di numero 3 il tiratore Michael Bramos, efficace sia in uscita blocchi sia sugli scarichi, e giocatore di striscia che se entra in ritmo diventa davvero difficile da fermare. Nello stesso spot, partendo dalla panchina c’è Jeff Viggiano, giocatore con tanta esperienza nel campionato italiano che può entrare e dare subito punti immediati grazie al suo tiro da tre punti. Arrivato nella seconda parte della scorsa stagione il duttile Melvin Ejiim, che parte da ala grande ma può giocare anche da ala piccola sfruttando la sua rapidità negli spazi brevi e la sua doppia dimensione sia interna che esterna. L’ex Hrvoje Peric, ormai al suo terzo anno in laguna, è molto bravo a muoversi senza palla e attaccare lo spazio o sfruttando la sua abilità tecnica per prendere vantaggio dall’uno contro uno; Benjamin Ortner, invece, è un lungo roccioso che crea grandi vantaggi con i suoi blocchi granitici e i suoi roll in profondità, oltre ad un elemento di grande esperienza per il nostro campionato. Per chiudere il cerchio dei confermati, il capitano Tomas Ress, che garantisce minuti di qualità uscendo dalla panchina sfruttando il suo tiro da tre punti.

Tra i nuovi arrivi spicca sicuramente quello della point guard titolare Marquez Haynes, già visto in Italia con le maglie di Sassari, Siena e Milano, playmaker con grandi doti realizzative che si può costruire il tiro sia dal pick and roll che in situazione di uno contro uno. Altro ex è Tyrus McGee, guardia reduce dalla grande stagione a Cremona come miglior sesto uomo del campionato: giocatore dal grande potenziale offensivo che gli permette di attaccare il ferro usando la sua potenza ma allo stesso tempo di prendersi un tiro da tre punti dal pick and roll o in situazione di uno contro uno. Un altro giocatore molto importante che parte dalla panchina il terzo ex Vanoli, Ariel Filloy, arrivato da Pistoia per portare la sua esperienza come cambio del playmaker e dare ritmo e punti rapidi. Chiude il roster il centro titolare Jamelle Hagins, atleta pronto a giocare sugli scarichi dei compagni in area dopo aver “rollato” a canestro o attaccando lo spazio liberato dalle penetrazioni degli esterni.

Paolo Lepore
Assistente Capo Allenatore Vanoli Basket