Caserta ha subito sorpreso tutti la prima giornata battendo la finalista dello scorso anno Reggio Emilia. Squadra di talento in cui spicca sicuramente il dominicano Edgar Sosa, playmaker dalle grandi doti realizzative, con cambio di ritmo davvero difficile da arginare per le difese avversarie e sempre pronto ad attaccare in contropiede. Come guardia Josh Bostic, lo scorso anno in Lettonia al Vef Riga, tiratore da 3 punti dietro al pick and roll o sugli scarichi, con un rilascio molto rapido. Nello spot di ala piccola lo svedese Viktor Gaddefors, un ritorno della scorsa stagione, sempre pronto a sprintare in contropiede e a tirare da tre punti sugli scarichi.

Come numero 4, alla sua prima esperienza in Europa, Raphiael Putney, tiratore da tre punti da situazioni di pick and pop o sugli scarichi, e molto pericoloso a rimbalzo offensivo. Il centro è Mitchell Watt, lungo mancino che vuole attaccare in post basso usando la sua preferita mano sinistra o ricevendo in area profondo dopo un blocco sulla palla.

Dalla panchina l’esperienza di Marco Giuri come cambio del play: tira da tre punti dietro al pick and roll o sugli scarichi. Ex di turno Daniele Cinciarini, esterno di grande esperienza nel campionato italiano, che fa della sua capacità di costruirsi un tiro dal palleggio la sua caratteristica migliore. Darryl Jackson, lo scorso anno in A2 a Casalpusterlengo, è deputato ad entrare dalla panchina e garantire punti immediati in pochi minuti.

Fra i lunghi Olek Czyz, lo scorso anno a Pistoia, è un 4-5 di grande impatto sulla partita usando soprattutto la sua grande energia e fisicità per prendere tiri dentro l’area e andare forte a rimbalzo offensivo. Cambio del centro è Nika Metreveli, lungo di sostanza che gioca essenzialmente sugli scarichi dei compagni.

Paolo Lepore
Assistente Capo Allenatore Vanoli Basket