Capo D’Orlando e’ sicuramente una delle squadre più sorprendenti di questo inizio di campionato, avendo espresso un ottimo gioco di squadra che le ha permesso di imporsi contro Torino, Brescia e Cantù.

Uno dei leader è sicuramente Drake Diener, che conosce benissimo il campionato italiano e ritorna per la seconda volta a Capo d’Orlando: giocatore con range di tiro illimitato, può segnare dal pick and roll, in uscita blocchi o sugli scarichi da tre punti. L’altro giocatore che si sta imponendo come uno dei migliori interpreti del proprio ruolo è Bruno Fitipaldo, uruguaiano alla prima esperienza in Europa che ha dimostrato di avere un’intelligenza cestistica fuori dal comune grazie alle sue letture sul pick and roll e alla capacità di creare buoni tiri per i suoi compagni.

In ala piccola Voijslav Stojanovic, esterno che si muove molto bene senza palla ed è pronto a ricevere sugli scarichi da tre punti oppure con tagli backdoor sulla linea di fondo. Ala grande Dominique Archie, anche lui già protagonista in passato con la maglia dell’Orlandina: e’ un buon tiratore da tre sugli scarichi, specialmente in contropiede, che può essere pericoloso anche in post basso con il suo tiro in allontanamento.

Nella posizione di centro troviamo Mario Delas, lungo croato che gioca per ricevere scarichi in area su taglio o dopo il “roll” a canestro e può anche attaccare in post basso sfruttando i suoi movimenti sul piede perno.

Dalla panchina, confermati dopo l’ottima stagione troviamo Tommaso Laquintana, playmaker che preferisce attaccare il canestro e quando entra alza decisamente il ritmo dell’attacco siciliano; la guardia/ala ungherese Zoltan Perl, molto versatile e in grado di fare tante cose diverse su un campo da basket anche se è sicuramente più efficace quando può attaccare il ferro. Sostituisce invece i lunghi Antonio Iannuzzi, lo scorso anno in A2, che si sta imponendo come uno dei lunghi “giovani” che potranno dire la loro in futuro. Minuti di qualità nel reparto lunghi lo può dare anche l’esperto Sandro Nicevic, che può sfruttare il suo tiro dalla media distanza per battere le difese avversarie.

Paolo Lepore
Assistente Capo Allenatore Vanoli Basket