La Vanoli Cremona si aggiudica, con il punteggio di 82-74, la partita contro la Fortitudo Lavoro Più Bologna e fa un altro importante passo verso il suo obiettivo stagionale. Un incontro, quello del PalaRadi, che ha visto gli ospiti partire forte grazie a Totè, con Cremona che è prontamente rientrata grazie alla difesa e a un super Cournooh, dando poi, nel secondo quarto, una prima spallata alla partita. Il copione si è ripetuto nel secondo tempo, con l’avvio ospite a ricucire lo strappo e la Vanoli a ritrovarsi difensivamente e a scappare in modo definitivo nel quarto parziale.

LA CRONACA – Parte forte la Fortitudo che sfrutta alla grande il gioco sotto canestro di Totè. Il lungo bolognese segna anche da oltre l’arco per il 10-18 del 6 minuto. La Vanoli trova finalmente le contro misure difensive e, grazie a Cournooh, si riavvicina e sorpassa per il 23-22 di fine primo quarto. Il secondo parziale è tutto di marca Vanoli. E’ infatti ancora il suo numero 25 a segnare a ripetizione da oltre l’arco (per lui 19 punti al termine di uno strepitoso primo tempo) mentre la difesa lavora bene tenendo gli ospiti a 14 punti. Si va così al riposo sul punteggio di 47-36. La ripresa del gioco è di marca Fortitudina. Banks e Totè producono un parziale di 12-0 nei primi cinque minuti del terzo quarto riportando Bologna in vantaggio 47-48. E’ una imperiosa schiacciata di Mian che sveglia i biancoblu. Il rientro in campo di Poeta e Barford li rimette poi in linea di galleggiamento riportandoli avanti di 4 punti al 30′ (59-55). L’ultimo periodo inizia con Barford e Baldasso che si rispondono da tre punti. Ma sono la tripla di Cournooh e l’arcobaleno di Poeta a regalare un nuovo significativo vantaggio alla Vanoli (69-60) costringendo coach Dalmonte al time out. Ma l’inerzia non cambia padrone. La difesa, con il grande lavoro di Jarvis Williams e Marcus Lee, e le loro schiacciate in attacco, oltre alla penetrazione di Barford, regalano il +15 a Cremona (75-60) che diventa +16 a quattro dal termine, grazie alla tripla di Poeta (78-62). La Vanoli controlla fino al termine e Bologna riesce solamente a limare qualche punto al distacco finale. Finisce 82-74.

MVP – David Cournooh gioca un grandissimo primo tempo dal punto di vista offensivo e segna un canestro da tre determinante nel quarto periodo che regala la definitiva inerzia alla sua squadra. Per lui alla fine sono 22 punti con 6/7 da tre, 4 palle recuperate e 3 assist per 22 di valutazione finale.

I PROTAGONISTI – Cremona manda altri tre uomini in doppia cifra. Barford ne segna 18 con 6/7 da due, Mian e Jarvis Williams 10 a testa con quest’ultimo che aggiunge 9 rimbalzi. Per Lee ci sono 6 punti con 10 rimbalzi e 3 stoppate decisive. Poeta ne mette 7 ma, come suo solito, smazza 9 assist ai compagni. Alla Fortitudo non bastano i 25 punti di un ottimo Totè e i 19 punti di Banks. Il solo Hunt finisce insieme a loro in doppia cifra con 14.

IL DATO – Bologna tira meglio da due punti (59.5%, 22/37 contro il 51.2%, 22/43) mentre Cremona si rifà da tre punti (35.7%, 10/28 contro il 34.8%, 8/23) e vince a rimbalzo 38-34 conquistandone 13 offensivi. Ma il dato più significativo è il rapporto palle perse/palle recuperate dove i biancoblu pareggiano il conto a 15, forzando però 22 palle perse agli ospiti contro le 9 recuperate.

IL MOMENTO CHIAVE – Il secondo quarto sembra poter lanciare la Vanoli verso la vittoria. La reazione degli ospiti però si materializza in avvio di ripresa. La schiacciata di Mian è il canestro della svolta biancoblu. La difesa sale di colpi e permette a Cremona di ritrovare i punti di vantaggio. Il canestro da tre di Cournooh, nel quarto parziale, la lancia, questa volta definitivamente, verso la vittoria.

Foto Morgano/DueEsseGroup