La Vanoli Basket vince la sua terza partita in fila battendo Cantù 65-54

La Vanoli Basket vince 65-54 il big match di giornata al PalaRadi con l’Acqua San Bernardo Cantù e resta a punteggio pieno, dopo tre turni di campionato, nel girone verde della Serie A2 Old Wild West. Una partita giocata dai biancoblù con grande applicazione difensiva, applicazione che si è poi tradotta nei numeri in campo dove gli ospiti sono stati tenuti a 54 punti di cui 9 segnati a cronometro fermo.

LA CRONACA – La Vanoli parte forte su entrambi i lati del campo e grazie soprattutto a Eboua (9 punti), riesce a scavare un primo vantaggio al decimo (25-16). Nel secondo quarto è ancora Cremona a dettare il ritmo concedendo pochissimo a Cantù che ha in Baldi Rossi e soprattutto Nikolic i terminali offensivi più affidabili. Caroti e Mobio da tre punti allargano il campo e permettono a Eboua di sfruttare nuovamente le sue doti fisiche sotto canestro. All’intervallo lungo è 43-30 per i padroni di casa. Al rientro in campo la partita si fa più nervosa con Cantù che alza l’intensità nella propria meta campo costringendo Cremona a fare molta più fatica in attacco. L’applicazione difensiva della Vanoli però rimane altissima e questo permette a Caroti e compagni di limitare i danni in un quarto da 9-12 di parziale. Si entra così negli ultimi dieci minuti sul punteggio di 52-42. In avvio Cantù prova nuovamente ad avvicinarsi grazie a Nikolic e a un gioco da quattro punti di Berdini che potrebbe riaprire definitivamente l’incontro (57-52). Ma la Vanoli, nel momento del bisogno, si affida alle sue certezze difensive con Piccoli che recupera un pallone e subisce sfondamento nell’azione successiva. In attacco sono Cannon e i liberi di Lacey a riportare il vantaggio sopra i dieci punti. Finisce così 65-54.

MVP – Paul Eboua termina la sua partita con 17 punti frutto di 1/2 da tre, 6/9 da due e 2/3 ai liberi, oltre a 7 rimbalzi e 5 falli subiti per 17 di valutazione e 16 di Plus/Minus.

I PROTAGONISTI – La Vanoli, oltre a Eboua, ha un Cannon, sempre più leader silenzioso, da 12 punti e 9 rimbalzi per 19 di valutazione. In doppia cifra anche Alibegovic con 12 mentre Mobio ne mette 9. Il migliore negli assist è Caroti con 4. Cantù in attacco ha Nikolic che segna 23 punti sui 54 di squadra con 4 rimbalzi per 24 di valutazione. Berdini, Baldi Rossi e Hunt si fermano a 6 con quest’ultimo miglior rimbalzista con 9.

IL DATO – Cremona tira 17 su 27 da due (63%) e 7 su 27 da tre (26%), capitalizzando al meglio le situazioni concesse dalla difesa di Cantù. I biancoblù nella loro metà campo costringono gli ospiti al 47% da due (15/32) e al 25% da tre (5/20) limitandoli a 45 punti dal campo. La Vanoli vince inoltre a rimbalzo 35-26.

IL MOMENTO CHIAVE – Il primo quarto indirizza la partita nelle mani dei biancoblu che sono poi bravi a mantenere alta l’intensità e l’applicazione difensiva nei momenti di difficoltà e per tutti i quaranta minuti, portando così gli 11 punti di vantaggio ottenuti al 10′ sino al termine della partita.

IL COMMENTO – Coach Cavina al termine delll’incontro: “Abbiamo giocato una grandissima partita difensiva, non solo per i numeri. Una partita ben giocata per la quale devo rendere merito ai ragazzi che hanno avuto grande concentrazione su quello che avevamo deciso di fare e lo hanno saputo fare per quaranta minuti. Questa è stata veramente la chiave del match. E’ pur vero che, nel secondo tempo, in attacco non abbiamo giocato altrettanto bene rispetto al primo ma avevamo di fronte Cantù. Il loro secondo tempo è stato fisicamente più intenso ma noi abbiamo retto bene anche nel momento di difficoltà. Abbiamo retto con la difesa e facendo poi due attacchi di grande qualità. Posso dire di essere estremamente soddisfatto”.

Foto: Vanoli Basket

Torna su