“Il Covid, nemico invisibile e subdolo, si è portato via tante persone care, migliaia di vite, uomini e donne innocenti che in molti casi non hanno ricevuto l’ultimo saluto dalle loro famiglie. Una tragedia dagli esiti paragonabili ad un conflitto bellico.
Ma non è finita qui. I nuovi pericoli si chiamano emergenza economica ed emergenza sociale.

Come tante altre realtà, anche Pepo Team Cremona ha pagato dazio al Covid 19. Da mesi, infatti, le attività sportive delle nostre squadre sono forzatamente sospese senza chiare prospettive per il futuro, con grande sofferenza per i nostri ragazzi. Ma non solo le realtà amatoriali e di volontariato hanno patito questa situazione; anche quelle professionistiche stanno vivendo gravi difficoltà.

Seguiamo con amarezza le vicende di Vanoli Basket che dopo aver portato per 11 anni Cremona nell’Olimpo del basket nazionale, sta rischiando di non potersi iscrivere al campionato che l’ha vista protagonista per lungo tempo con eccellenti risultati, tra cui la conquista della Coppa Italia. Al di là dell’amore per i colori bianco blu, crediamo che la scomparsa della Vanoli Basket dalla Serie A sarebbe un’ulteriore ferita per il nostro territorio, già duramente colpito su più fronti.

Per questo scriviamo questa lettera aperta, noi che da Cremona, in quasi 20 anni di attività, abbiamo ricevuto tanto. Non vogliamo stare fermi a guardare, senza fare tutto il possibile per evitare questa ulteriore umiliazione. Esiste una raccolta fondi aperta sulla pagina Facebook Salviamo la Vanoli Basket. Abbiamo fatto ciò che riteniamo giusto, una donazione in linea con le nostre poche possibilità, da piccola associazione di volontariato, ma vogliamo dire che ci siamo! Non crediamo che questa raccolta fondi possa risolvere per intero i problemi della Vanoli Basket, ma se in tanti, come noi, daranno un piccolo contributo, sicuramente il Presidente Aldo Vanoli si sentirà meno solo e vedrà intorno a sé tanti piccoli attestati di affetto verso una realtà che è patrimonio di tutto il territorio.

Così vogliamo restituire ciò che Cremona ci ha dato in questi anni, chiedendo a chi ama lo sport (e non solo) di non stare a guardare e compiere un piccolo, ma concreto gesto.
Desideriamo estendere questo invito agli imprenditori e alle aziende della nostra zona, consapevoli delle tante difficoltà che stanno affrontando in questo periodo difficile per tutti. L’unione fa la forza e tanti piccoli sostegni possono spostare equilibri. Non passi la logica del “tanto non saremo noi a cambiare le cose.
Forza, un piccolo atto di coraggio, tutti insieme, il Covid non deve vincere questa partita!”

 

Gianluca Rossi