Fonte: La Provincia di Cremona
Di Fabrizio Barbieri

«Ci sono i sogni e poi c’è la realtà. Ma per poter realizzare i primi c’è bisogno di lavorare». Jacopo Torresi è come sempre pragmatico. Il preparatore atletico della Vanoli ha rinnovato il suo contratto e rimarrà fino al 2019.

Cremona diventerà la sua seconda casa.
«Qua sto bene, l’ambiente è super e la società sta lavorando con intelligenza. Ringrazio tutti per la fiducia che hanno riposto nei miei confronti e spero di poter ricambiare».

Si ripartirà con meno variazioni rispetto al passato. Quali novità ha in mente?
«Credo che la continuità del lavoro sia la cosa più importante. Siamo partiti da lontano e più si conoscono le caratteristiche dei giocatori e meglio si lavora. L’obiettivo è quello di fare crescere tutti. Non servono grosse novità ma la consapevolezza che un certo tipo di allenamento è determinante per poter giocare meglio».

E’ vero che il gruppo di due anni fa era più compatto rispetto all’ultimo nonostante i risultati migliori?
«Direi di no. Erano due realtà diverse ma entrambe le squadre erano formate da bravi ragazzi che hanno sempre lavorato sodo. Le scelte dei giocatori della Vanoli sono basate sia sulle qualità in campo ma anche su quelle fuori. Di certo posso dire che ho sempre visto un bel feeling e soprattutto grandi professionisti sul campo».

Dopo una grande stagione come quella appena conclusa non sarà facile alzare l’asticella.«Non dobbiamo illudere nessuno. Abbiamo una missione che è quella della salvezza e da lì non possiamo spostarci. Sappiamo benissimo che fare un’altra grande stagione sarebbe favoloso, ma non tutti gli anni sono uguali. Il nostro scopo è quello di lavorare sempre di più e meglio per poter migliorare non nei risultati ma nella struttura».

Chi vincerà il campionato?
«Milano è senza dubbio la squadra più forte. Il fatto di avere un roster lungo fa la differenza. Si è visto ieri contro Venezia».

Girano voci che lei sarebbe parente del prossimo allenatore della Cremonese, Tesser.
«Se i miei genitori non mi hanno tenuto qualcosa nascosto, direi di no… Conosco Tesser tramite un amico che è stato allenato da lui ad Avellino. Tutti mi hanno detto che è un ottimo allenatore, spero che faccia molto bene anche nella Cremonese».

Vacanze?
«A Formentera nei primi giorni di giugno e poi più avanti andrò insieme alla mia famiglia».

 

Ufficio Stampa
Vanoli Basket