Grande successo per la prima edizione della Vanoli Sponsor Cup

Si è svolta nel tardo pomeriggio di ieri, nella storica palestra Gambisa a Soncino, la prima Sponsor Cup, organizzata dalla Vanoli Basket Cremona con la nutrita collaborazione dei suoi partner stagionali che, per l’occasione, hanno indossato scarpette e divisa per contendersi l’ambito trofeo.

Quello andato in scena è stato un vero e proprio spettacolo, in cui quattro squadre miste, capitanate da quattro coach d’eccezione quali Andrea Conti, Gigi Brotto, Carlo Campigotto e Jalen Cannon, sono scese in campo con la voglia di ben figurare e, soprattutto, di divertirsi insieme. Anche Andrea Conti e Gigi Brotto, da ex giocatori, non hanno saputo resistere al richiamo del parquet e, “trasgredendo” alle regole, hanno abbandonato la panchina per dare manforte alla propria squadra.

Al termine delle quattro partite giocate, che hanno visto trionfare i “blu” guidati da coach Jalen Cannon, si è disputata la gara del tiro da tre punti, vinta dal GM Andrea Conti.

A fare da cornice alla manifestazione, i titolari e i dipendenti delle varie Aziende sponsor che non hanno fatto mancare il supporto ai colleghi impegnati in campo. Presente, naturalmente, tutta la famiglia Vanoli con il Presidente Aldo che, a conclusione, ha premiato la squadra vincitrice.

Dopo le “fatiche” del campo, tutti i cinquanta presenti hanno proseguito la serata ospiti dell’Agriturismo del Cortese dove hanno potuto continuare a fare squadra in un clima conviviale e informale.

Quella di ieri è stata la prima edizione di una manifestazione che vuole rinnovarsi negli anni per dare la possibilità ai suoi partecipanti di sentirsi parte di un unico grande team, dentro e fuori dal campo, un team che, anche attraverso momenti come questi, non potrà che continuare a crescere insieme.

La Sponsor Cup apre inoltre una serie di eventi mensili che, in collaborazione con il Consorzio Sistema Basket, verranno organizzati dal marketing Vanoli Basket con l’obiettivo di creare rapporti tra le aziende partner in modo che possano utilizzare lo sport come mezzo per farsi conoscere e ampliare il loro business.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su