E’ la Reyer Venezia che si aggiudica la prima gara della serie di semifinale contro la Vanoli, imponendosi 80-87 al PalaRadi. I lagunari sono bravi nella ripresa a imbrigliare il gioco in transizione di Cremona e a sfruttare il loro gioco interno con Watt e Daye. Il terzo quarto e l’inizio dell’ultimo periodo sono decisivi per dare la vittoria a Venezia. Ora Diener e compagni hanno a disposizione gara due sabato alle 20.45, sempre al PalaRadi, per rifarsi e riportare la serie in parità.

LA CRONACA – La Vanoli inizia bene la partita trovando punti importanti da Diener e Saunders. Venezia si riavvicina subito (12-11) con la tripla di Bramos alla quale però risponde immediatamente ancora Diener. Cremona al 10′ mantiene 4 punti di vantaggio grazie ai tre punti di Saunders sulla sirena. Il secondo parziale vede la Vanoli trovare il suo massimo vantaggio nella partita con la tripla si Stojanovic al 12′ (31-24). Gli ospiti rientrano grazie al lavoro sotto canestro di Vidmar e alla tripla di Bramos. (35-35). Sono tre punti di Crawford a mandare negli spogliatoi le due squadre con i biancoblu ancora in vantaggio (40-37). Il terzo quarto è però decisivo per Venezia. Sette punti a testa di Stone e Daye scavano un solco di 9 punti per la Reyer (47-56). Quattro punti di Ruzzier sembrano ridare fiato ed energia ai biancoblu (51-56) ma una prima tripla di Cerella li riporta a meno 8 (51-59). La Vanoli coi riprova con Ricci e ancora Ruzzier riportandosi a un solo possesso di svantaggio (59-61) ma un’altra tripla di Cerella chiude il quarto sul 59-64. Nell’ultimo parziale Venezia parte subito forte piazzando una grande difesa su Crawford e su Diener oltre i tre canestri di Watt e la tripla di Heynes che le danno il più 12 (61-73). Solo la sua grande classe  permette a Crawford di trovare 5 punti difficilissimi che uniti alle iniziative di Diener riportano Cremona a meno 6 (74-80). Sul ribaltamento di fronte però la tripla di Bramos chiude di fatto i giochi a poco più di un minuto dalla fine (74-83), spegnendo sul nascere l’ultimo tentativo della Vanoli. Finisce 80-87 e l’appuntamento è per gara due, sabato al PalaRadi.

MVP – Mitchell Watt chiude la sua partita con numeri importanti. 22 punti con 10/13 al tiro e 2/2 in lunetta, 7 rimbalzi, 6 falli subiti e 3 assist per 31 di valutazione finale.

I PROTAGONISTI – Per Cremona doppia doppia di Mathiang con 11 punti e 15 rimbalzi, di cui 3 offensivi, oltre 5 falli subiti per 26 di valutazione. Saunders chiude con 14 punti, 2 rimbalzi e 2 assist. 14 anche per Crawford con 4 rimbalzi e 6 falli subiti. Il miglior marcatore biancoblu è però Diener con 15, oltre 3 rimbalzi e 6 assist per 20 di valutazione. Venezia manda in doppia cifra Daye e Bramos con 11, ma trova soprattutto uno Stone decisivo sui due lati del campo. La gran difesa su Crawford è completata da 10 punti personali, 5 rimbalzi e 2 assist. Heynes si ferma a 9 punti, Cerella e Vidmar a 8.

IL DATO – Venezia, soprattutto nella ripresa, è brava ad andare sempre nel posto in cui vuole andare facendo circolare bene la palla in attacco (21 assist). In questo modo riesce a infilare tanti punti in area (48) tirando con percentuali molto alte (66%, 25/38). Questo la aiuta anche a trovare buoni tiri da oltre l’arco (11/27, 41%). Cremona non trova invece quasi mai il suo classico gioco in transizione e si ferma a 18/33 (55%) da due e 10/27 (37%) da tre ma soprattutto tira 14/21 ai liberi (67%). A rimbalzo le due squadre si equivalgono (33-32 Venezia).

IL MOMENTO CHIAVE – Il terzo quarto lancia Venezia che trova un parziale importante per portarsi in vantaggio. L’inizio dell’ultimo periodo la spinge, grazie ai canestri di Watt, sul +12. E’ poi la tripla di Bramos che manda tutti a gara due sull’uno a zero per la Reyer.