Finale amaro per la Vanoli Basket Cremona che corre, gioca e lotta ad armi pari per tutta la partita contro la Grissin Bon Reggio Emilia di coach Menetti. Il tiro di Hayes e la preghiera di Clark non trovano però il fondo della retina e così Reggio completa la vendetta perfetta espugnando il PalaRadi con il punteggio di 88 a 87. Se all’andata furono i biancoblu ad esultare per una sola lunghezza, questa volta il sorriso più luminoso è senza dubbio quello di Drake Diener, guardia made in USA che ha mandato a referto ben 27 punti.

La terza sconfitta consecutiva arriva così al termine di una gara equilibrata, ma comunque caratterizzata da fiammate ed errori da ambo le parti. Alla fine, come spesso accade nella pallacanestro, i dettagli hanno fatto la differenza. La truppa di Pancotto esce sconfitta nel punteggio, ma non battuta nello spirito. La reazione dopo il ko di Milano c’è stata ed il grande cuore mostrato da Nicola Mei è solo uno dei segnali che testimoniano che la Vanoli è viva. I biancorossi, sin qui terzo miglior attacco dietro a Milano e Trento, allungano così la striscia positiva con il quarto successo consecutivo.

PRIMO QUARTO (17-21):

Avvio di personalità della formazione biancoblu che entra in campo senza alcun timore e, sospinta dal proprio pubblico, nega facili conclusioni a Reggio Emilia. In fase offensiva, invece, è James Bell l’assoluto protagonista che dopo un paio di errori realizza i due liberi che valgono il primo vantaggio Vanoli. Diener impatta cadendo indietro, poi manda a bersaglio la tripla prima dell’immediata risposta dalla lunga distanza di Hayes. Con il jumper dalla media Silins si iscrive al tabellino dei marcatori, mentre impazza sin da subito il duello sotto le plance tra Cervi e Cusin. Proprio il centro classe ’85 ha sin dai primi possessi un forte impatto sulla gara: lotta, gioca con i compagni e costringe il giovane pivot reggiano ad un prematuro secondo fallo. Coach Menetti richiama così in panchina il suo numero quattordici, anche se l’equilibrio continua a regnare sovrano sul parquet. Cinciarini prova ad accendere i suoi con la bomba (8-12 al 7′), Hayes perde malamente un pallone e dopo il time out Polonara punisce dall’angolo e Ferguson subentra a capitan Vitali. Il secondo fallo di Pini precede la conclusione vincente di Bell, mentre prosegue il momento positivo degli ospiti che guidati da un propositivo Cinciarini tentano il primo allungo di serata. Emozioni a non finire anche prima della sirena con Ferguson a bersaglio, Kaukenas che ne infila due e con lo stesso Jazzmar Ferguson che griffa l’ultima azione del periodo con la bomba del momentaneo 17 a 21.

Tabellino:

Vanoli Basket Cremona: Hayes 3, Gazzotti, Vitali, Mian, Campani, Ferguson 6, Mei, Clark, Cusin 3, Bell 5. All. Pancotto.

Grissin Bon Reggio Emilia: Mussini, Polonara 5, Della Valle, Pechacek, Pini 2, Kaukenas 2, Cervi, Silins 2, Diener 5, Cinciarini 5. All. Menetti.

SECONDO QUARTO (40-38):

Ci pensano rispettivamente Luca Campani e Rimantas Kaukenas ad aprire il quarto con due ottime giocate. Se Hayes prova ad entrare in ritmo con il palleggio, arresto e tiro in transizione, nell’azione successiva la Vanoli stringe le maglie della difesa, costringendo gli avversari all’infrazione di ventiquattro secondi. Dopo un inizio sprint, il match scende di colpi a causa di diversi errori, anche banali, da ambo le parti. Tuttavia la dinamo biancoblu si riaccende improvvisamente sull’asse Campani-Gazzotti e poi diventa incandescente grazie alle due bombe consecutive di Mei e Campani che valgono il controbreak Cremona (28 a 23 al 15′). Diener segna anche con la mano in faccia, Reggio insiste con la difesa a zona, ma Vitali puntualmente la buca da posizione centrale. Cervi realizza in acrobazia, Cusin non è da meno e segna entrambi i liberi poi Gazzotti fa esplodere il palazzo con il gioco da tre punti che vale il 36 a 28 Vanoli. Da un parziale all’altro con il tandem Cervi-Diener che riporta a contatto i biancorossi ed anticipa il canestro di Hayes. Lo scatenato Diener non trema dalla distanza, Ferguson non si sottrae dalla bagarre, ma è Polonara a sigillare il meno due Reggio dell’intervallo (40-38).

Tabellino:

Vanoli Basket Cremona: Hayes 7, Gazzotti 5, Vitali 3, Mian, Campani 4, Ferguson 8, Mei 3, Clark, Cusin 5, Bell 5. All. Pancotto.

Grissin Bon Reggio Emilia: Mussini, Polonara 8, Della Valle, Pechacek, Pini 2, Kaukenas 4, Cervi 4, Silins 2, Diener 12, Cinciarini 6. All. Menetti.

TERZO QUARTO (69-68):

Ripresa ad alto contenuto emotivo con Clark abile nel trasformare un passaggio di Vitali e Cusin pronto nel gioco a due con lo stesso capitano biancoblu. Dopo il conseguente 2/2 dalla lunetta di Cusin, Polonara e Cervi riavvicinano nuovamente la Grissin Bon e lo strepitoso Drake Diener sigla il controsorpasso. Diener e Clark mettono la firma sul nuovo pareggio (51-51), poi si susseguono alcune azioni concitate, Bell trasforma un solo libero e Pini in allungo mantiene in costante pressione offensiva i suoi. La fortuna non è di certo dalla parte di Kenny Hayes che con metri di spazio spara la tripla che gira sul ferro ed esce; sul versante opposto è ancora Diener show con la penetrazione più fallo che rappresentano il ventunesimo punto del fuoriclasse americano. Come su di un ottovolante l’inerzia della sfida continua ad alternarsi: Vitali fa 1/2 dalla linea della carità, Della Valle segna la bomba ma ancora Vitali con il taglio dietro al difensore si smarca per altri due facili facili. Diener e Campani muovono il punteggio, Della Valle pesca il fallo di Hayes e sfiora il gioco da quattro punti, mentre subito dopo coach Pancotto si affida nuovamente a Ferguson che sostituisce Hayes. Clark con un lampo d’energia, Vitali dalla lunetta, poi ancora Clark e lo stesso Vitali segnano e propiziano l’intercetto e la spettacolare conclusione a fil di sirena di Nicola Mei. Grazie al grande cuore di Mei, al 30′ è 69-68 Vanoli.

Tabellino:

Vanoli Basket Cremona: Hayes 7, Gazzotti 5, Vitali 10, Mian, Campani 7, Ferguson 8, Mei 6, Clark 6, Cusin 10, Bell 10. All. Pancotto.

Grissin Bon Reggio Emilia: Mussini, Polonara 12, Della Valle 6, Pechacek 2, Pini 4, Kaukenas 4, Cervi 8, Silins 2, Diener 24, Cinciarini 6. All. Menetti.

ULTIMO QUARTO (87-88):

Con l’adrenalina ancora a mille, Ferguson manda a referto l’ennesima tripla ma poi eccede e commette fallo antisportivo ai danni dell’esperto Kaukenas. Della Valle in palleggio batte il proprio difensore e realizza, l’attacco Vanoli si inceppa e così Kaukenas alza la parabola e trasforma il più tre Reggio (71-74 al 34′). I padroni di casa han bisogno di ritrovare fluidità offensiva, Bell giganteggia a rimbalzo ma non trova il fondo della retina e così ci vuole un doppio Clark per far tornare l’entusiasmo all’interno del PalaRadi. Diener cerca di smorzare gli animi con una giocata da fantascienza, Clark risponde presente e Della Valle emula le gesta del compagno rilasciando la sfera cadendo indietro. La partita è destinata a decidersi nei possessi finali e nei tre minuti conclusivi Vitali e Clark combinano ottimamente per l’82 a 83 del 37′. Reggio avanza dalla lunetta anche se l’inesauribile Cameron Clark realizza la tripla del sorpasso, poi vanificata dai liberi a bersaglio della Grissin Bon. L’anticipo sulla ricezione subito da Cusin e l’errore al tiro di Diener consentono a Clark di siglare l’87 a 86, mentre dopo un’ottima difesa e il tiro corto di Vitali, che subisce una vistosa trattenuta non rilevata, è ancora il glaciale Cinciarini dalla lunetta a punire Cremona. L’occasione per vincere la partita arriva nei secondi finali, ma la conclusione di Hayes si impenna sul ferro. Finisce così, con la preghiera da centrocampo di Clark che non viene accolta dagli Dei del basket. Reggio Passa 88 a 87.

Tabellino:

Vanoli Basket Cremona: Hayes 7, Gazzotti 5, Vitali 12, Mian, Campani 7, Ferguson 10, Mei 6, Clark 20, Cusin 10, Bell 10. All. Pancotto.

Grissin Bon Reggio Emilia: Mussini, Polonara 14, Della Valle 12, Pechacek 2, Pini 4, Kaukenas 8, Cervi 8, Silins 2, Diener 27, Cinciarini 11. All. Menetti.