Nella partita di esordio della Eurosport Supercoppa 2020 la Vanoli viene sconfitta 66-87 dalla Virtus Segafredo Bologna al PalaRadi ma per gli uomini di coach Paolo Galbiati è comunque buona la prima. Poeta e compagni hanno infatti retto l’impatto con i più quotati avversari nonostante le rotazioni ridotte all’osso dall’assenza di ben tre americani.

La Virtus prende il largo solo nell’ultimo parziale quando, per preservare i biancoblu da minutaggi troppo elevati, coach Galbiati mette in campo l’intero quintetto dei ragazzi under 16. Marchetti, Feraboli, Gallo e Ferrari, insieme a Lazar Trunic hanno così avuto la soddisfazione di scendere in campo e misurarsi con i campioni della Virtus.

Nel primo quarto la Vanoli corre bene il campo e sfrutta altrettanto bene gli errori della Virtus per pareggiare l’avvio bianconero firmato da Abass (8-8). E’ Poeta a prendersi la responsabilità di guidare i suoi in campo con punti e assist (8 e 2), permettendo ai biancoblu di chiudere il quarto in vantaggio 22-17.

Nel secondo parziale la Virtus lavora meglio in difesa e l’attacco di Cremona si ferma per cinque minuti. La schiacciata in contropiede di Alibegovic da il via al parziale di 8-0 che permette a Bologna di riportarsi in vantaggio (22-25). Cremona si sblocca dalla lunetta con Cournooh e rimane a contatto grazie a cinque punti di Palmi. Si va così all’intervallo lungo sul punteggio di 32-38.

L’inizio della ripresa è appannaggio della Virtus che sembra poter allungare. I due punti di Ricci al 22′ danno infatti il primo vantaggio in doppia cifra alle V nere (34-45), ma la Vanoli reagisce con orgoglio e i dieci punti di Cournooh la riportano sotto. La tripla di Mian riporta poi i biancoblu ad un solo possesso di distanza (51-54). Il quarto si chiude sul punteggio di 56-62, con il canestro di Donda annullato perchè segnato oltre la sirena.

Nell’ultimo parziale, dopo i due punti di Cournooh che risponde immediatamente a Hunter, coach Paolo Galbiati, come detto, schiera tutti gli under a disposizione. Bologna allunga così definitivamente e chiude sul punteggio di 66-87.