La Vanoli Cremona conclude la sua esperienza nella Eurosport Supercoppa 2020 con una sconfitta al PalaRadi. Passa infatti la Fortitudo Lavoropiù Bologna con il punteggio di 63-73. Cremona disputa un buon primo tempo mantenendosi in vantaggio, grazie soprattutto a Poeta e Hommes, sia a fine primo quarto che all’intervallo. Il terzo quarto è poi decisivo per gli ospiti. Le energie di Cremona, priva anche di Cournooh tenuto a riposo precauzionale, non sono più quelle della prima parte mentre la Fortitudo riesce a trovare qualche buon canestro e a piazzare il parziale che le darà i dieci punti di vantaggio che porterà fino alla fine. Per la Vanoli ci sono 13 punti con 4 assist e 8 falli subiti per 22 di valutazione di Peppe Poeta mentre il miglior marcatore è Hommes che ne mette 18 in 24 minuti con 6/7 da due e 2/5 da tre. Per gli ospiti in doppia cifra Fletcher con 13, Whiters con 15 e Totè con 10.

Nel primo quarto le due squadre partono contratte. Gli errori sono molti da entrambe le parti e l’equilibrio è evidente nel punteggio sino al 7-8 del 6′. L’ingresso di Hommes regala poi alla Vanoli il vantaggio a fine quarto. Il 34 della Vanoli infatti, dopo la prima conclusione sbagliata, infila 7 punti consecutivi per il 14-11 al 10′.

Nel secondo quarto si continua sulla falsariga del primo. La F pareggia subito con la tripla di Withers, Cremona si stacca ancora di 5 punti (23-18) al 13′ ma gli ospiti, con un positivo Totè, rientrano e sorpassano con i liberi di Aradori su 27-28. La tripla di Dellosto (30-34) a un minuto e mezzo dall’intervallo lungo sembra portare l’inerzia dalla parte bolognese ma due conclusioni da oltre l’arco di Poeta rilanciano immediatamente la Vanoli mandando tutti negli spogliatoi con il vantaggio interno di 37-34.

La ripresa del gioco vede la Vanoli segnare subito con Jarvis Williams la tripla del 40-34, massimo vantaggio biancoblu. Ma poi le energie finiscono e la Fortitudo piazza un parziale di 14-0 che ribalta l’incontro e lo indirizza verso gli ospiti (40-48). La Vanoli prova a resiste appoggiandosi a Poeta e Hommes e si riavvicina a meno 5 (45-50). Bologna però riallunga con Whiters e Aradori e al 30′ è 49-59.

Coach Galbiati nell’ultimo periodo prova diverse soluzioni, con anche quintetti particolari, per la necessità di limitare il minutaggio di alcuni suoi giocatori. In un quarto caratterizzato da tanti errori la Fortitudo, con i canestri di Aradori, Happ e Withers riesce a mantenere il margine acquisito. Cremona, ancora con Hommes (6 punti per lui nel quarto), prova a rimanere a contatto. La partita si chiude con il libero di Lazar Trunic che fissa il punteggio sul 63-73 finale.