A quasi un mese dalle emozioni della vittoria con Varese, la Vanoli torna domani al PalaRadi (ore 18.15, arbitri Sahin, Baldini e Terranova) per inaugurare il girone di ritorno casalingo contro la Dolomiti Energia Trentino. Con la voglia di dimenticare Pistoia e “vendicare” quel 13-0 finale del PalaTrento, primo di diversi blackout che hanno caratterizzato la prima parte della stagione biancoblu.

COME STA CREMONA – Il k.o. di Pistoia che ha interrotto la ministriscia positiva di du gare porta comunque con sé segnali confortati, su tutti il minimo di punti subiti in stagione (64), per di più contro una squadra che sul proprio campo segnava oltre 86 punti di media. Con il capitano Fabio Mian in recupero da un acciacco alla schiena che l’ha tenuto fermo venerdì, coach Lepore può contare sul gruppo al completo.

COME STA TRENTO – Aperto il 2017 con due k.o. contro Cantù e Avellino, Trento si è rialzata alla grande ripartendo dopo la pausa con il largo successo su Brindisi (84-48), coinciso con il cambio di pelle, dato dal ritorno di Dominique Sutton e dall’arrivo dell’ex NBA Devyn Marble. David Lighty torna al PalaRadi solo da spettatore, ancora in convalescenza dopo l’intervento chirurgico al menisco del ginocchio destro.

CURIOSITA’ – Sarà in borghese l’unico ex della partita, David Lighty, che arrivò a Cremona nella stagione 2011/2012, iniziata nella Bennet Cantù, segnando 10.3 punti con 4.9 rimbalzi e 1.2 assist in 23 gare. In panchina per Trento ci sarà però anche Vincenzo Cavazzana, assistente di Buscaglia e nella stagione 1999/2000 nelle file dell’allora Tamoil Soresina di B2. Elston Turner a -3 punti dai 1400 in Serie A.

Ufficio stampa
Vanoli Basket