Nella classica conferenza del venerdì, coach Paolo Galbiati ha presentato la sfida con la Pallacanestro Trieste, in programma domenica al PalaRadi alle ore 15:00.

Ci apprestiamo a disputare la prima partita del girone di ritorno e il primo pensiero è che abbiamo giocato tutta l’andata senza tifosi al palazzetto. E’ davvero un peccato.

Domenica ospitiamo Trieste che all’andata ci ha preso letteralmente a schiaffoni. Credo però che quella mazzata ci abbia aiutato a svegliarci. Proveremo a restituirgliela anche se sarà tosta perché sono una squadra tosta, che fa della difesa la sua caratteristica principale. Mi aspetto fisicità e durezza, pressione sulla palla, aggressività sulle linee di passaggio. Non a caso sono la terza miglior difesa del campionato. Domenica le percentuali saranno importanti, insieme naturalmente alla qualità di quel che faremo.

Nella partita di andata il divario è stato enorme. Abbiamo sbagliato l’impossibile e difensivamente siamo stati impresentabili. Abbiamo pasticciato in ogni senso. Ma non siamo più quelli di fine settembre. Qualche giocatore ha nel frattempo capito il livello del campionato italiano.

Arriviamo da una buona settimana in cui abbiamo avuto modo di lavorare. Speriamo di mettere in pratica quanto fatto.

Sarebbe bello chiudere il girone d’andata a 14 punti, il che vorrebbe dire essere qualificati per la Coppa Italia, risultato onestamente impensabile a inizio stagione. Abbiamo 12 punti e ne mancano ancora un po’ per salvezza. La classifica è troppo corta per fare dei ragionamenti in tal senso. Stiamo lavorando per farne il più possibile il prima possibile“.