A pochi giorni dalla vittoria in trasferta contro Reggio Emilia, Vanoli Basket di nuovo in campo per il recupero della settima giornata di campionato. Coach Galbiati ha presentato così la sfida con la Pallacanestro Cantù dell’ex Cesare Pancotto:

Affrontiamo Cantù, un’altra squadra come Reggio Emilia e come noi che è stata duramente messa alla prova dal virus. Sono una squadra molto interessante, guidata da un grandissimo allenatore, Cesare Pancotto, che festeggia tra l’altro la millesima panchina in serie A. Gli faccio i miei più sinceri complimenti. Non so onestamente – e parlo sia di noi che degli avversari – con che energia arriveremo al match, non avendo una panchina lunga ed essendo stati colpiti dal virus appunto, ma spero sarà una partita divertente. Sarà fondamentale riuscire a gestire i minutaggi dei giocatori, a dosare bene le energie e controllare il ritmo della gara. Cercheremo di fare la nostra miglior partita possibile. Cantù è una squadra che gioca con grande intensità e molto brava a giocare insieme, di squadra appunto. Può contare su due veterani – Smith e Leunen – di qualità, circondati da giocatori di grande fisicità ed energia che tirano bene dall’arco. Sono la miglior squadra per tiri da tre punti tentati e percentuale di realizzazione, la chiave tattica sarà riuscire a limitarli in questo. Dovremo essere bravi a togliergli la loro fluidità. Noi invece, dal canto nostro, dovremo essere bravi ad attaccare la loro difesa, fatta di grande collaborazione e grande sacrificio nell’aiutarsi l’uno per gli altri”.