Coach Galbiati: \”Abbiamo lavorato su noi stessi. Con la Fortitudo dovremo giocare insieme e passarci la palla\”

Domenica 3 ottobre alle ore 19:30, la Vanoli Basket Cremona giocherà la sua prima partita casalinga del campionato 2021/2022. Peppe Poeta e compagni affronteranno, al PalaRadi, la Fortitudo Kigili Bologna che, questa settimana, ha visto il ritorno sulla sua panchina di Antimo Martino. In casa biancoblu è stato coach Paolo Galbiati a presentare la sfida in sala stampa.

“Siamo a presentare la seconda giornata di campionato che vede arrivare a Cremona la Fortitudo Bologna. Innanzitutto rivolgo un saluto a Jasmin Repesa con il quale ho avuto la fortuna di collaborare due anni in passato e gli faccio un grande in bocca al lupo, sperando stia bene e che risolva i piccoli problemi che ha avuto. Rivolgo anche un saluto ad Antimo e sono contento per lui che sia potuto tornare in pista.

Per quanto ci riguarda, diciamo che questa settimana è andata abbastanza liscia a livello di lavoro. Siamo riusciti finalmente ad allenarci al completo e abbiamo tesserato McNeace che sta lavorando ma ha bisogno di tempo perché è fermo da molto. Siamo riusciti a fare dei buoni allenamenti e a mettere ancora più minuti nelle gambe, con tutti i limiti che possiamo avere perché per noi è come essere a metà della preparazione. Facciamo degli errori, ne facciamo tanti e ne faremo ancora ma c’è grande disponibilità da parte dei ragazzi a stare insieme e a fare qualcosa in più.

Lo schiaffone che abbiamo preso a Venezia, almeno in questa settimana di lavoro, ci è servito e adesso vedremo cosa riusciremo a offrire domenica nella partita con la Fortitudo. Abbiamo lavorato tanto su di noi guardando anche alle caratteristiche individuali degli avversari. Questo è però il momento di concentrarsi e costruire cose nostre perché dobbiamo crescere; siamo giovani, abbiamo tanti rookies e abbiamo bisogno di far fare loro un percorso.

Non faccio promesse, quello che so è che la mia squadra sta lavorando tanto, è una squadra che può fare degli errori ma che può essere molto divertente; è una squadra che ha bisogno del sostegno dello staff, della società e dei tifosi. Per questo sarebbe bello averli con noi domenica ed avere il palazzetto il più pieno possibile. Quello che mi auguro è di riuscire, dopo lo schianto di Venezia, a mettere in campo la faccia tosta e la brillantezza che possiamo e dobbiamo avere. Dobbiamo giocare di più insieme e passarci la palla. Questo mi aspetto di far vedere al nostro pubblico perché domenica scorsa siamo stati la brutta copia di noi stessi”.

Torna su