Coach Demis Cavina si è presentato alla stampa

È stato presentato alla stampa il nuovo coach della Vanoli Basket Cremona, Demis Cavina. Una presentazione, quella dell’allenatore biancoblù, contestuale all’incontro che la società ha voluto tenere con i suoi partner e con i tifosi per illustrare le novità della stagione alle porte. E quella dell’allenatore è sicuramente la prima e più importante novità per rilanciare sul campo le ambizioni del sodalizio del Presidente Aldo Vanoli.

Queste le prime considerazioni del nuovo coach: “E’ stato semplice scegliere la Vanoli. Conoscevo Cremona e il suo percorso legato a questa proprietà, conoscevo quello che è stato fatto e il percorso di crescita di questi anni. Conoscevo già anche la dirigenza, in particolare Andrea Conti, e i vari componenti dello staff ed è per questo che la scelta è stata semplice, perché quando si conoscono le persone tutto è più facile.

Sono ovviamente contentissimo di iniziare questo percorso. Conoscendolo bene, so quanto è difficile questo campionato. È un campionato con realtà importanti e penso che Cremona appartenga a quel nucleo di squadre che danno lustro a questo torneo. Una realtà che imparerà a riconoscersi importante dopo che, nell’ultimo periodo, qualche risultato non ha aiutato in tal senso. È cambiata la categoria ma tutto quello che è attorno a noi è rimasto. Tutto quello che è stato costruito in questi anni è rimasto, le persone e i tifosi sono ancora qui e tutto questo è un cemento importante per la nostra ambizione.

Vogliamo essere protagonisti in questo campionato e la squadra è più che in fase embrionale. Mi è sempre piaciuto allenare giocatori che avessero davanti il loro futuro e le scelte che finora abbiamo fatto vanno in questa direzione. Giocatori affamati, persone prima ancora che atleti; mi auguro che la loro risposta sia immediata anche sul campo. Continueremo su questa strada e dovremo essere molto bravi a crescere, a unirci e a fare squadra nell’immediato. La scelta di questi ragazzi faciliterà questo compito perché alla fine le partite, soprattutto in questa lega, vengono decise da episodi e noi dovremo cercare di farci trovare pronti.

La Serie A2 è un campionato difficile, un po’ per l’elevato numero di squadre e un po’, proprio a causa di questo elevato numero di compagini, per la difficolta a costruire i roster con italiani di valore. È un campionato avvincente e molto equilibrato. È un campionato che fa da trampolino di lancio a tanti giovani che poi ritroviamo al gradino più alto. Avere otto giocatori italiani dà poi una identità diversa fin da subito alla squadra e per questo è molto importante costruire fin da subito questo nucleo fondamentale di atleti.

Per quanto mi riguarda, nonostante i tanti anni da capo allenatore alle spalle, la fame non è mai calata e la voglia di migliorarsi c’è sempre. Quello che mi è capitato nel recente passato aiuta queste motivazioni. Nessuna voglia di rivincita ma solo una grande voglia di far bene e di ripartire. Siamo tutti molto carichi, a partire dal Presidente, e questo è molto bello. In passato ho allenato in situazioni analoghe a questa, magari squadre che arrivavano da una retrocessione, ma per quello che mi sta arrivando, qui si è ripartiti velocemente e in modo molto naturale e questo, più di ogni altra parola o proclama, è la dimostrazione che si vuole fare bene quest’anno. Sono tante le incognite in campo; qualche volta si vince, qualche volta si perde ma noi dobbiamo lavorare fin da subito per farci trovare pronti”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Torna su