E’ stato presentato oggi alla stampa Cesare Pancotto, nuovo allenatore della Vanoli Basket Cremona.
Ecco le sue prime parole in risposta alle domande dei numerosi giornalisti presenti.

“Ho trovato una squadra dove c’è grande voglia di fare e grande energia unita anche a talento tecnico e atletico. Diciamo che c’è una cornice importante alla quale dobbiamo aggiungere un po’ di particolari all’interno del quadro.

Ho già parlato con ognuno dei giocatori della squadra e lo farò ancora ogni giorno, ho detto loro che tutti in questo momento difficile devono mantenere la massima autostima. Non devono abbassare la testa, solo così si possono affrontare positivamente le situazioni. Ci sono infatti solo soluzioni da trovare, non problemi.

In questo momento abbiamo bisogno di lavorare molto perché solo così posso arrivare a conoscere la squadra. Ci sono certamente delle dinamiche, già consolidate in questi primi quattro mesi, che devo cercare di capire entrando in sintonia con la squadra. Poi potrò cercare di cambiare quello che serve. Per far questo non è ipotizzabile un tempo preciso ma c’è sicuramente voglia di riuscirci il prima possibile. Porterò delle idee che cercherò di abbinare ai miei giocatori. Fa parte del mio stile infatti la capacità di adattarmi a ciò che ho a disposizione.

Con la società non ho parlato di interventi di mercato. Devo prima capire se e dove sono necessari, ma soprattutto se sono necessari.

In questi mesi mi sono tenuto aggiornato. Ho seguito campionati diversi, ho visto molte partite e analizzato tanti giocatori. Ora sono molto felice della chiamata della Vanoli. Nel mondo della pallacanestro c’è molto rispetto per Cremona, è un ambiente sano che cammina secondo il proprio passo. Io ho alle spalle una carriera molto lunga di cui vado orgoglioso, ma se voglio che questa abbia anche un futuro devo assolutamente fare bene nel presente a Cremona.

Ci attende subito un incontro difficile sabato a Reggio Emilia, ma le partite non possiamo scegliercele. Dobbiamo andare a Reggio a muso duro, sapendo che stiamo vivendo un momento difficile ma anche che vogliamo uscirne il prima possibile. In questo senso dobbiamo vedere la partita di Reggio come un’opportunità e non come un rischio. Non ci saranno grandi cambiamenti perché il tempo è poco. Andremo a giocare la partita portando tutte le nostre certezze unite all’entusiasmo e alla positività”.