Si infrange con il 74-63 in favore del Banco di Sardegna Sassari il sogno della Vanoli Basket Cremona che esce a testa altissima dal primo quarto di finale di Coppa Italia della sua storia. Nonostante la caratura dell’avversario, formazione detentrice della Coppa, gli uomini di coach Cesare Pancotto hanno infatti disputato una partita di grande spessore tecnico e agonistico. Tutti i giocatori biancoblu hanno messo sul parquet grinta, cuore e applicazione ed anche se non è arrivata la vittoria, la prestazione è stata decisamente all’altezza del palcoscenico. L’istantanea della serata è di Ed Daniel che, pur con la squadra in svantaggio di 17 lunghezze (69-52), a cinque minuti dal termine si è buttato per recuperare un pallone insieme al compagno Hayes. La Vanoli non molla mai ed anche a Desio l’ha dimostrato.

PRIMO QUARTO (14-14):

La gara si apre subito con una palla recuperata da Bell che poi sfrutta la transizione ed infila la prima bomba di serata facendo esplodere di gioia i numerosi tifosi biancoblu presenti al PalaDesio. La reazione sarda arriva con Lawal che si appende al canestro di potenza, Vitali illumina per Campani che viene fermato al momento della conclusione e così lo scatenato Lawal firma in schiacciata il primo vantaggio Sassari. Bell è partito con le marce alte, la sua penetrazione non trova fortuna, poi il ferro sputa la tripla di Hayes e sul ribaltamento di fronte Dyson commette infrazione di passi prima del tiro. Cremona è però scesa sul parquet con la giusta cattiveria, il tiro dalla lunga di Vitali non trova gloria, mentre anche Sanders fatica ad accendersi da tre. Coach Pancotto mischia le carte in tavola, inserisce Daniel al posto di un Campani già gravato da due falli (3-4 al 5′), mentre Hayes cattura un rimbalzo difensivo e dopo un’azione concitata Clark manda a bersaglio il jumper dalla media. Ferguson prende il posto di Hayes, Sosa sostituisce Logan ed è proprio il play dominicano a griffare la nuova tripla del Banco di Sardegna. La Vanoli tiene decisamente bene il campo, il nuovo acquisto Daniel sgomita nel pitturato e di talento riporta avanti i suoi che falliscono con Ferguson una tripla importante. Lawal cerca di far valere il suo strapotere fisico, Hayes subentra a capitan Vitali e ancora Daniel corregge una conclusione errata dello stesso numero cinque cremonese. Sassari sfrutta la verve di Sosa che si ripete da tre (10-12 all’8′), Gazzotti svetta più in alto di tutti strappando un gran rimbalzo difensivo prima che Daniel dalla lunetta impatti realizzando entrambi i liberi. Negli ultimi possessi Kadji schiaccia di prepotenza e Ferguson risponde duettando perfettamente con Daniel per il 14 pari che chiude il primo parziale.

*Tabellino:

Vanoli Basket Cremona: Hayes, Gazzotti, Vitali, Mian, Campani, Ferguson 2, Mei, Daniel 7, Clark 2, Bell 3. All. Pancotto.

Banco di Sardegna Sassari: Logan, Sosa 6, Formenti, Sanders, Devecchi, Lawal 6, Dyson, Sacchetti, Vanuzzo, Brooks, Kadji 2. All. Sacchetti.

SECONDO QUARTO (31-34):

L’avvio di secondo periodo è fulminante: un propositivo Ferguson e l’attento Mei in transizione disegnano un break di 4 a 0 in favore dei biancoblu che costringe coach Meo Sacchetti al time-out immediato. Rientrati dal minuto di sospensione, Mei recupera un pallone senza tuttavia risucire a trovare l’appoggio vincente, Gazzotti imita il compagno ed è abile nel far sua una palla vagante che nella metà campo offensiva porta al fallo e al successivo due su due di Campani (20-14 al 13′). Dyson segna i primi due punti del quarto dalla linea della carità, Sosa si butta dentro senza paura e prima di una rimessa offensiva a favore di Sassari coach Pancotto richiama in panchina i suoi. Rientrati sul parquet, capitan Luca Vitali cade in modo scomposto e dopo il tempestivo intervento dei membri dello staff lascia momentaneamente il posto a Jazz Ferguson. Cremona prova a riprendere il filo del discorso con il quintetto di tutti americani, così Clark risponde a Sanders che tuttavia si ripete poco dopo griffando la tripla del 25 a 22 Banco di Sardegna (22-25 al 15′). Dyson allunga dalla lunetta, Sassari alza la linea del suo pressing ed ancora una volta il tiro di Hayes danza solamente sul ferro. Campani si fa notare nel pitturato, il rientrante Vitali lancia Clark che in contropiede supera Devecchi e costringe Lawal al fallo: due su due dell’ala classe ’91 e Vanoli di nuovo ad un solo possesso di distanza (26-29 al 17′). Bell e Logan sono le mosse dei due allenatori ed è subito il numero 31 cremonese a farsi notare con il rimbalzo che apre il contropiede poi non sfruttato. L’ex Formenti punisce immediatamente, super Campani ne appoggia al vetro altri due, poi Clark sale in cattedra riportando i biancoblu sul meno uno. I campioni in carica vanno a bersaglio con Lawal e a fil di sirena gli Dei del basket non accolgono la preghiera di capitan Vitali.

*Tabellino:

Vanoli Basket Cremona: Hayes, Gazzotti, Vitali, Mian, Campani, Ferguson, Mei, Daniel, Clark, Bell. All. Pancotto.

Banco di Sardegna Sassari: Logan, Sosa 8, Formenti 3, Sanders 5, Devecchi, Lawal 8, Dyson 8, Sacchetti, Vanuzzo, Brooks, Kadji 2. All. Sacchetti.

TERZO QUARTO (47-55):

Presenza di spirito e grande bagarre a rimbalzo sembrano essere i fattori determinanti anche ad inizio ripresa. Lawal e compagni provano ad infialre un nuovo parziale con Sanders, la fortuna di certo non aiuta Daniel nella lotta a rimbalzo con Brooks, mentre James Bell prova a sbloccare il tabellone realizzando un due su tre dalla lunetta. L’intercetto di Hayes non viene concretizzano e nel momento di massima difficoltà per Cremona è ancora Bell a volare in contropiede e realizzare. Sassari affida le chiavi del suo attacco a Brooks che con la bomba laterale cerca di spegnere le speranze dei biancoblu che, tuttavia, reagiscono prontamente grazie ad un doppio  Hayes (39-46 al 25′). Con l’inerzia a favore, Dyson non trema dalla lunetta ed il tandem Mian-Gazzotti prende il posto della coppia Bell-Clark: nell’azione successiva la mossa porta lo stesso Mian ad un tiro da due passi poi fallito, mentre sul ribaltamento di fronte Formenti ed un ispirato Logan piazzano il break (39-55 al 28′). Cremona non molla mai e con le due conclusioni consecutive di Giulio Gazzotti torna a macinare gioco e soprattutto punti. Prima dell’ultimo riposo di serata, poi, Campani riporta la Vanoli sotto la doppia cifra di svantaggio (parziale aperto di 8 a 0) rimandando così ai dieci minuti conclusivi la soluzione del giallo.

 *Tabellino:

Vanoli Basket Cremona: Hayes 4, Gazzotti 5, Vitali, Mian, Campani 9, Ferguson 4, Mei 2, Daniel 7, Clark 9, Bell 7. All. Pancotto.

Banco di Sardegna Sassari: Logan 4, Sosa 8, Formenti 6, Sanders 8, Devecchi, Lawal 8, Dyson 10, Sacchetti, Vanuzzo, Brooks 9, Kadji 2. All. Sacchetti.

ULTIMO QUARTO (63-74):

Con la Vanoli lucida e decisamente in ritmo, Sacchetti cerca di mettere la freccia con due triple, anche se immediata è la penetrazione con canestro di Mian. Sosa realizza anche il libero supplementare dopo l’uno contro uno con Campani e il fallo fischiato in aiuto a Gazzotti, mentre Cremona spara a salve proprio con Gazzotti e Sosa, dopo aver posto la firma sul 69 a 51 Banco di Sardegna, costringe Pancotto al time-out. I giocatori cremonesi provano il tutto per tutto, non arretrano di un centrimentro anche se in fase offensiva non riescono ad incidere come vorrebbero (4 segnati con sei minuti giocati). Clark prova a ricucire lo strappo con le ultime fiammate di serata, Bell manda a segno la tripla in transizione (58-70) ma dopo le incursioni di Devecchi e Daniel è Brooks in appoggio a mettere il punto esclamativo sulla vittoria di Sassari.

*Tabellino:

Vanoli Basket Cremona: Hayes 4, Gazzotti 5, Vitali, Mian 2, Campani 9, Ferguson 6, Mei 2, Daniel 9, Clark 16, Bell 10. All. Pancotto.

Banco di Sardegna Sassari: Logan 4, Sosa 14, Formenti 6, Sanders 8, Devecchi 2, Lawal 9, Dyson 12, Sacchetti 6, Vanuzzo, Brooks 11, Kadji 2. All. Sacchetti.