IMG_1784Si è conclusa nella giornata di lunedì la tre giorni del classico Adidas Eurocamp 2014 a Treviso, che, giunto ormai alla 12° edizione, rappresenta uno dei più importanti camp pre-draft del continente e che quest’anno ha portato alla palestra Ghirada i migliori 60 ragazzi d’Europa e non, fra i quali 45 nati tra il 1992 e il 1996 e 15 nati tra il 1998 e il 1999.

Un appuntamento imprescindibile per allenatori, procuratori e dirigenti per gettare uno sguardo interessato sui talenti più futuribili del panorama cestistico.

Evento, quello che si è svolto nella Marca, impreziosito anche dalla presenza di stelle NBA come Danilo Gallinari, Denver Nuggets, Gigi Datome, Detroit Pistons, e Nicolas Batum dei Portland Trail Blazers.

Per Vanoli Basket Cremona erano presenti il General Manager, Andrea Conti, e il vice-allenatore, Paolo Lepore; queste le loro impressioni sulla torrida kermesse di Treviso:

Andrea ContiAndrea Conti, GM –Il momento non ė dei più felici per il basket italiano; un mercato molto fermo al momento, in cui le pochissime squadre con potenziale economico puntano giocatori forti e affermati. Gli agenti referenti di importanti agenzie estere in Italia fanno fatica a piazzare giocatori di livello perché il nostro paese ha perso appeal e veniamo dopo campionati come Russia, Turchia, Spagna, Germania, Belgio e forse anche Francia.

Il discorso italiani ė ancora più complesso. Il  mercato è viziato dal numero dei giocatori appetibili: veramente pochi i giocatori da serie A, a parte i soliti noti. Così si è costretti a fare delle scommesse, che sono comunque cosa ben diversa dagli azzardi. Insomma, non sarà facile costruire una squadra più nostrana“.

Paolo Lepore-Assistant CoachPaolo Lepore, vice-allenatore –Una premessa è sicuramente d’obbligo: credo che il presenziare a queste manifestazioni sia essenziale per cercare di collezionare il maggior numero possibile di informazioni, ampliando la conoscenza di giocatori “giovani” che durante l’anno spesso non si ha la possibilità di seguire (tranne ovviamente quelli che hanno giocato nel campionato italiano: Abass, Silins, Della Valle, Gaddefors). Anche perché tanti di questi giocatori giocano poco e magari in situazioni particolari nelle rispettive squadre. Vederli poi “dal vivo” permette di avere una percezione chiara e precisa dal punto di vista fisico, cosa che ovviamente è possibile fare solo parzialmente vedendoli in video. Quando se ne ha la possibilità  la cosa migliore sarebbe cercare di arrivare a questi Camp avendo già un’idea di massima della gran parte dei giocatori che poi si visioneranno, in modo poi da poter confermare-aggiungere-confrontare le impressioni avute dal video con quelle “dal vivo”, partendo sempre dal presupposto che sono ragazzi provenienti da campionati completamente diversi tra loro e che si ritrovano e devono giocare assieme in pochissimo tempo, con tutte le problematiche del caso. L’ulteriore chiave è poi avere la possibilità di seguire durante l’annata sportiva seguente i giocatori ritenuti “interessanti”, valutandone i progressi e tenendo i rispettivi profili sempre aggiornati.

Il giocatore che mi ha fatto maggior impressione è Eriksson (firmato dal Barcellona nel 2011 per 4 anni…) e che ha giocato minuti importanti nella Lega Spagnola a Manresa: esterno. con una tecnica di tiro davvero pregevole; sicuramente il giocatore che leggeva il gioco con più facilità e rapidità, sbagliando raramente scelta. Mi sono rimasti impressi anche Lucas Mariano, lungo brasiliano molto migliorato fisicamente e tecnicamente rispetto allo scorso Eurocamp, e Papapetrou, che si è già ritagliato qualche minuto in una squadra importante come l’Olympiacos. Di vere delusioni non parlerei. Ci sono giocatori che sono più indietro nell’aspetto tecnico-fisico, come Marinelli dell’Olimpia Lubiana, Joannes Voigtmann  di Francoforte, Hugo Invernizzi di Le Havre e Artem Pustovyi che avevo già seguito e che secondo me sono migliorati meno rispetto ad altri, ma che comunque vanno valutati e monitorati sempre. Mai dare giudizi assoluti, ma  vedere sempre partite e giocatori per tenere le informazioni sempre aggiornate e attuali“.