Ancor più rinforzata nello spirito e sempre più consapevole delle proprie potenzialità, domenica, alle 18.15, la Vanoli Basket Cremona fa il suo ritorno al PalaRadi di Cremona per la sesta giornata di Serie A Beko. Avversario di serata sarà l’Enel Brindisi di Piero Bucchi, formazione che nella scorsa stagione ha catturato le luci dei riflettori soprattutto per una prima parte di campionato da record. Rivoluzionata nella forma, ma con la stessa capacità di vincere e sognare, anche in questa stagione la squadra pugliese ha dimostrato di essere una delle possibili schegge impazzite del torneo. Per entrambe la classifica attuale recita sei punti, frutto di tre vittorie e due sconfitte: dietro ai numeri, però, troviamo una Vanoli che deve ancora sbloccarsi di fronte al proprio pubblico. Lavoro, applicazione e qualità. Con questi tre ingredienti gli uomini di coach Pancotto sapranno senza dubbio imparare dagli errori commessi sul parquet casalingo e, cavalcando l’entusiasmo di questo momento positivo, nessun traguardo è precluso ai biancoblu.

Un possibile titolo alla sfida con l’Enel? Una vittoria per avvicinare l’obiettivo salvezza, ma anche due punti per tener sempre accesa la lampadina del sogno play-off.

Stagione 2013/2014 – Il secondo campionato consecutivo nella massima serie coincide con una stagione straordinaria per la formazione del confermato coach Piero Bucchi. In estate la squadra del presidente Fernando Marino si rinforza con il playmaker Jerome Dyson (breve esperienza in NBA e in arrivo dall’Hapoel Holon), con la guardia ex Antalya BŞB (Turchia) e Brujos de Guayama (Porto Rico, solo play-off) Ron Lewis e si affida alle giocate di Delroy James, alla sua seconda esperienza consecutiva in Italia dopo la stagione in Lega Due a Ferentino, e dell’ala Michael Snaer, alla prima esperienza da professionista dopo i titoli e l’esperienza collegiale con i Florida State. In Puglia anche il pivot Akinlou Akingbala, tagliato poco dopo causa una scarsa condizione fisica e sostituito con Alade Aminu (che poi rescinde), mentre a completare il roster vi sono l’ala bosniaca Miroslav Todić (Chimik Južnyj, Ucraina) e la guardia Folarin Campbell (Ventspils, Lettonia). Confermato Massimo Bulleri in cabina di regia, rimangono in terra brindisina anche l’ala grande classe ’88 Andrea Zerini e l’ex Triboldi Cremona Matteo Formenti.

Sono diversi i cambi in corsa: rescisso Aminu ed acquistato David Chiotti, la società piazza il colpo Josh Jackson, salvo poi rafforzare la rosa con Michael Umeh, giocatore tesserato per sostituire Bulleri (infortunato) e lo stesso Jackson.

Una prima parte di stagione da record permette all’Enel di mandare in archivio una delle annate più esaltanti di sempre. Per la prima volta nella storia del New Basket Brindisi, la squadra si laurea campione d’inverno: dopo il successo contro l’EA7 Milano e la sconfitta con Roma, Dyson e compagni inanellano sei risultati utili consecutivi (Cremona, Venezia, Reggio Emilia, Varese, Caserta e Cantù), prima di perdere nuovamente in trasferta contro la Granarolo Bologna. Dopo la prima sconfitta casalinga (all’11esima giornata con la Sutor), si registra la vittoria con Siena, la rimonta e l’overtime con Pesaro e la netta affermazione con Sassari. Presente alle Final Eight come testa di serie, l’Enel vince con Venezia (83-70), salvo poi arrendersi in semifinale con Siena (80-89). Nel girone di ritorno arriva il calo anche se, grazie alla quinta posizione della stagione regolare (record di punti in Serie A), tra l’estasi dei tifosi arriva l’accesso ai play-off scudetto. Avendo perso il fattore campo nell’ultima gara di campionato, Brindisi va a giocarsi le prime due gare dei quarti di finale in Sardegna e solo con l’82 a 75 in favore dei sardi in gara 3, si spengono le speranze della truppa di Bucchi. Oltre al terzo campionato filato in serieABeko, la Stagione 2014-15 vede lo storico debutto in EuroChallenge, battezzato in casa in settimana con una netta vittoria sugli svedesi del Södertälje Kings (90-69), che ha riscattato la pur risicata sconfitta in trasferta di una dozzina di giorni fa, contro gli olandesi dell’SPM Shoeters (71-69).

Enel Brindisi 2014/2015

rrrrrrrrrrrrrrrrrTerzo anno in panchina per l’ex Armani Milano Piero Bucchi, ma rivoluzione tattica con solo capitan Massimo Bulleri, Delroy James e Andrea Zerini confermati. Inserita nel gruppo A dell’EuroChallenge insieme a Södertälje BK (SWE), Ratiopharm Ulm (GER), SPM Shoeters (NER), l’Enel si rinforza con la guardia USA Demonte Harper (Tsmoki Minsk) , il play ex Fortitudo Bologna e Siena David Reginald Cournooh, la guardia brindisina Matteo De Gennaro e con Marcus Denmon, giocatore duttile lo scorso anno visto a Bursa (Turchia). Dardi in faretra anche il giovane Francesco Morciano, il play/guardia giamaicano Sek Henry (Koszalin), l’ex Pesaro e Chalon Elston Turner ed i centri James Mays (Llamados) e Dejan Ivanov (Estudiantes Madrid). Firmato nella notte di sabato anche l’ala grande Cedric Simmons.

Impegni recenti – Tre vittorie e due sconfitte per un inizio di stagione da sei punti in cinque partite (al pari della Vanoli). Inizio show per Brindisi che al debutto stagionale si impone nettamente con Pesaro (92-56), firmando con questo +36 di scarto un record per la società pugliese in Serie A (il precedente era +35, stabilito il 23/12/2012, in Angelico Biella-Enel 59-94). Per la prima volta nel massimo campionato tutti e 12 i giocatori di Brindisi sono andati a referto (dai 13 punti di Turner ed Henry ai 3 di Morciano e De Gennaro), mentre 252 giorni dopo l’infortunio, Massimo Bulleri è tornato in campo chiudendo con più punti che minuti giocati (10 punti in 8 minuti). Bissato il successo a Caserta (69-78), la prima sconfitta arriva alla terza giornata al PalaSerradimigni di Sassari (87-78). Ritrovato il sorriso contro Trento (vittoria 82-74), nel turno precedente l’Enel si è arresa all’Umana Reyer Venezia che ha espugnato il PalaPentassuglia con il punteggio di 81 a 74.

Curiosità e nuovi acquisti – La firma sul contratto è arrivata sabato notte, anche se il tesseramento presso gli uffici della Fip è stato ufficializzato nella giornata di lunedì 10 novembre: ciò che conta, comunque, è che dopo l’annata 2012-2013 ed il trasferimento all’Olympiacos, lo statunitense naturalizzato bulgaro Cedric Simmons è tornato a Brindisi. Una volta recuperato l’infortunato James Mays, i biancoblu sono convinti di poter contare su due tra i lunghi più forti in circolazione, ed anche per questo Dejan Ivanov potrebbe lasciare la Puglia una volta rientrato il pivot titolare dai guai che lo terranno fuori contro Cremona. Venerdì è stato intanto ufficializzato Jacob Pullen. Il play classe ’89, con passato in Italia con le casacche di Biella e Virtus Bologna, ha iniziato la stagione a Siviglia, dopo la poco fortunata parentesi blaugrana.

Come seguire l’incontro – La sesta giornata di Serie A Beko verrà trasmessa in diretta su Studio 100, la televisione territoriale del Salento. Per quanto riguarda Cremona1, invece, la gara sarà trasmessa in differita domenica alle 23.00.

Classifica e quadro completo della giornata

giornata enel