È stato un inizio di stagione molto positivo quello di Wesley Saunders, iniziato con l’exploit di Trento dove la guardia formatasi ad Harvard University ha segnato 29 punti guidando la Vanoli alla vittoria, ma continuata con una costanza di rendimento importante in tutte le statistiche del gioco e la miglior valutazione di tutto il team con 204 dopo dieci partite, quarto assoluto dell’intera Lega.

Ospite della trasmissione Basket & Co. di Cremona 1 TV, Wes ha così analizzato la vittoria di domenica a Pesaro: “E’ stata una partita incredibile, dall’alto punteggio, una partita con tanti up and down ma sempre con un gioco bilanciato da parte nostra come testimoniano i sette giocatori in doppia cifra. Finalmente siamo riusciti a mettere anche tanti tiri da fuori ma noi su questo fondamentale ci alleniamo molto. Tiriamo sempre, di mattina, di pomeriggio e di sera. È uno degli aspetti del nostro gioco che stiamo allenando di più e che stiamo cercando di migliorare per diventare una squadra ancora migliore. Il tirare bene da tre punti infatti aiuta tutto il nostro gioco a cominciare da quello interno.

È vero che non abbiamo il giocatore che può segnare 40 punti a partita ma questo ci ha obbligato fin dall’inizio a giocare di squadra trovando subito una buona chimica e una buona attitudine anche in quelle cose che non si vedono ma che spesso contano più di tutte come il comunicare tra di noi, l’aiutarsi in difesa e il condividere il pallone facendolo viaggiare velocemente.

Per quanto mi riguarda sono contento del mio inizio di stagione. Mi piace il fatto di essere riuscito a rendermi utile in tanti aspetti del gioco come i punti, gli assist e i rimbalzi. Io cerco di essere sempre questo tipo di giocatore e i compagni che ho la fortuna di avere mi stanno aiutando continuamente ad esserlo nel modo migliore possibile”.

A proposito del campionato, il numero 1 biancoblu ha aggiunto: “Non dobbiamo esaltarci troppo per le buone cose fatte finora ma dobbiamo continuare a giocare nel miglior modo possibile facendo ciò che sappiamo fare. Il campionato è ancora molto lungo e dobbiamo continuare a lavorare duro e a restare concentrati sull’obiettivo”.

Infine sul prossimo match con Brescia: “La Germani è una squadra molto fisica però noi dobbiamo continuare a giocare alla nostra maniera, con intelligenza e cercando di segnare quei tiri che siamo stati bravi a mettere con Pesaro”.