La Vanoli Basket Cremona comunica di aver trovato un accordo per la stagione 2016/2017 con l’atleta Omar Abdul Thomas, ala di 196 centimetri per 102 kg. Nato a Philadelphia il 25 febbraio 1982, Thomas, Mvp della Legadue nel 2010 e della Serie A nel 2011, quella in maglia Vanoli Basket sarà la sua settima stagione italiana.

Dopo aver mosso i primi passi alla Strawberry Mansion High School, Thomas per il suo quadrienno universitario si è diviso tra il Panola Junior College (Texas), dove nel 2002 entra nel primo quintetto del NJCAA (il circuito dei Junior college) e la prestigiosa University of Texas El Paso (UTEP). Terminato il college, ha speso la sua prima stagione da pro in D-League con gli Austin Toros, ai Coca-Cola Tigers nelle Filippine e al Club Naco nella Repubblica Dominicana.

Arrivato in Italia a Rimini, nel 2006, per un provino di 10 giorni, con i Crabs è rimasto per due stagioni di Legadue imponendosi come uno dei migliori giocatori del campionato e firmando con il Pau-Orthez. Chiusa velocemente la parentesi in Francia, è tornato in Italia assaggiando per la prima volta la Serie A, prima di vivere un bienno da Mvp. Prima in Legadue a Brindisi, trascinando i pugliesi allo storico ritorno in Serie A, poi in Serie A ad Avellino, portando il club irpino ai playoff con il 4° posto in regular season.

Nella stagione 2011-2012 si trasferisce alla Stella Rossa, con cui raggiunge la finale del campionato serbo e della Coppa nazionale, stoppato in entrambi i casi dal Partizan, in quella successiva in Russia al Krasnie Krilya Samara, con cui vince Coppa di Russia ed Eurochallenge. Torna in Italia nella stagione 2013-2014 con la Dinamo Sassari, con cui conquista la prima storica Coppa Italia dei sardi, prima di scendere nuovamente in Legadue a Ferentino, dove è stato compagno di squadra del centro biancoblu Paul Biligha. Nell’ultima stagione si è diviso tra Halcones Rojos Veracruz nella LNBP messicana, Vita Tbilisi in VTB United League e Zenit San Pietroburgo.

ANDREA CONTI – “Abbiamo scelto Omar come nuovo faro di una squadra che avrà un’età media più giovane rispetto al passato. La sua carriera parla chiaro, conosce benissimo il campionato italiano ed ha un ottimo pedigree europeo. Può ricoprire entrambi i ruoli di ala, con grande forza fisica e duttilità tecnica, e mettere a servizio di squadra e società la sua grande esperienza”

Ufficio stampa
Vanoli Basket