La Vanoli Basket cade a Caserta 73-64

Pasta Reggia Caserta
31 gennaio 2016
Non basta un Washington da record nella trasferta numero 100 in Serie A
1 febbraio 2016
Mostra tutto

La Vanoli Basket cade a Caserta 73-64

PASTA REGGIO 73
VANOLI BASKET 64

Pasta Reggio Caserta: Siva 18, Ghiacchi 3, Metreveli 2, Hunt 14, Downs 16, Gennarelli, Ventrone, Jones 19, Giuri 3, Ingrosso. All. Dell’Agnello.

Vanoli Basket Cremona: Turner 8, Washington 21, Cusin 9, Gaspardo, Vitali, McGee 14, Mian, Cazzolato, Biligha 6, Dragovic 6. All. Pancotto

Parziali: 20-9; 42-24; 60-46

CASERTA – Cade in trasferta la Vanoli Basket contro Caserta, regalando, come a Varese, il primo tempo.
Dopo un inizio equilibrato, Caserta inizia a staccarsi (10-5 al 7′) con Jones e Ghiacci (15-9 al 7′) senza che la Vanoli riesca a trovare la via del canestro (20-9 al 10′).
La sterilità offensiva biancoblù prosegue anche nel secondo quarto (5/22 da 2 punti, 2/11 da 3 punti) con Caserta che vola sul +18 con un immarcabile Siva, autore di 15 punti (3/4 da 2, 2/3 da 3). Turner (2/3 da 3 punti) e Cusin (6/6 ai tiri liberi) provano a ridurre lo svantaggio (35-16 al 17′), ma Hunt e Downs allargano la forbice a fine 2° quarto (42-24 al 20′). Pesano in casa Vanoli le 8 palle perse e la cattiva difesa (concesso il 60% da 2 e il 50% da 3 a Caserta).
Nel 3° quarto la Vanoli Basket ritorna in campo con più rabbia, stringe le maglie in difesa e con 2 triple di Dragovic e 7 punti di Washington riduce lo svantaggio sul -13 grazie ad un parziale di 0-9 (53-40 al 16′). La tripla di Giuri allontana la minaccia ma 4 punti in fila di McGee tengono in vita i cremonesi (60-46 al 30′).
La tripla di Jones, unico canestro nei primi 3′ minuti del 4° quarto, sottolinea la giornata storta al tiro per la Vanoli. Due triple in fila di Washington e McGee accendono l’ultima speranza (63-52 al 35′) che diventa sogno con la 2° tripla di Washington e la penetrazione di McGee (63-57 al 37′), prima delle triple spezzagambe di Downs e Jones (69-57). Washington (21 punti) e McGee (10 punti nell’ultimo parziale) provano fino alla fine a rimontare, ma non c’è nulla da fare.