Terminata la regular season con uno storico secondo posto alle spalle di Milano e con i playoff alle porte, il vicepresidente biancoblu Davide Borsatti è stato ospite alla trasmissione Basket&Co. su Cremona 1 Tv per fare un po’ il punto della situazione su vari temi, a partire dai premi vinti in occasione degli LBA Awards lunedì mattina a Milano.

MEO E DREW
Oltre ai risultati maturati sul campo, Coppa Italia e secondo posto in regular season, aver vinto i due premi più importanti degli LBA Awards è sicuramente una soddisfazione per la società. Sono titoli meritati in cui c’era una grossa competizione. Siamo felici per Meo e per Drew, ma anche per tutta la società: sono premi che riteniamo abbia vinto la società nella sua interezza.

VACIRCA
La cosa più significativa di questi premi secondo me è stato Meo che ha voluto dare il suo premio a Gianmaria Vacirca e questo è sintomatico di un lavoro di equipe che alla fine ci ha premiato e ci ha portato ai risultati conseguiti sul campo. Quanto a Vacirca, nonostante il secondo posto, è giusto sottolineare il lavoro che ha fatto. C’è tanto merito di Gianmaria dietro a questi risultati. Abbiamo sempre detto con lui che prima che i giocatori, vogliamo sempre scegliere le persone, gli uomini e direi che quest’anno siamo riusciti a conciliare entrambe le cose in maniera perfetta.

COESIONE
Alla cerimonia erano presenti anche Mango e Wes nonostante non fossero candidati e non fossero tenuti ad esserci: sono venuti comunque per sostenere Drew. Non c’è altro da aggiungere per spiegare che gruppo si è creato. Le parole di Drew sulla Gazzetta dello Sport (“Club coeso, organizzato e orientato al successo”) fanno indubbiamente piacere: a noi, come società, ma anche ai compagni e allo staff tecnico, a cui ha dato il merito del suo successo. Le dichiarazioni di Drew sono l’ennesima dimostrazione che con il gruppo si può arrivare dappertutto.

IL FUTURO
Quanto al futuro, ci siamo detti da un mese a questa parte di non voler parlare di mercato per non creare distrazione ne all’interno della squadra ne all’interno della società. Chiaro che l’obiettivo è quello di tenere più giocatori possibile anche se sappiamo che sarà difficile, in primis Drew, il titolo di MVP lo mette in luce in tutta Europa: sicuramente ci saranno tante squadre importanti che lo cercheranno, lui ha ancora un contratto per l’anno prossimo in cui comunque ha un’uscita. Ci auguriamo e speriamo che possa rimanere da noi, la scelta che potrà fare in questo senso dev’essere legata all’ambiente, all’allenatore e ai compagni di squadra, perché le forze economiche della nostra società non sono quelle di società più grandi e blasonate.

I PLAYOFF
Allo scudetto non pensiamo neanche, affrontiamo una partita alla volta, tutto quello che verrà in più dopo domenica sarà un risultato ulteriormente straordinario rispetto a quello che è stata questa stagione.